Spari contro pizzeria di Vibo Marina, un arresto per pena definitiva

I colpi d’arma da fuoco nel dicembre del 2013. Gli autori riconosciuti dai poliziotti della Squadra Mobile grazie agli impianti di videosorveglianza

0
2

I colpi d’arma da fuoco nel dicembre del 2013. Gli autori riconosciuti dai poliziotti della Squadra Mobile grazie agli impianti di videosorveglianza

Informazione pubblicitaria

Ordine di carcerazione per Raffaele Pardea, 58 anni, di Vibo Marina, nei cui confronti è divenuta definitiva una condanna a 3 anni e 6 mesi per il danneggiamento aggravato dai colpi di pistola all’indirizzo della vetrata della pizzeria “Pedro” sita sul corso di Vibo Marina. Pardea è stato pertanto arrestato dai carabinieri e portato nel carcere di Vibo Valentia. Dalla visione dei filmati, i poliziotti della Squadra Mobile di Vibo sono riusciti a risalire a Pardea e Luciano Macrì, 49 anni. Quest’ultimo avrebbe esploso i colpi d’arma da fuoco tenendo la pistola avvolta in uno straccio per poi raggiungere l’auto a bordo della quale si trovava Pardea. Recatisi a casa di Macrì – sottoposto all’epoca al regime dei servizi sociali con divieto di accompagnarsi a pregiudicati -, i poliziotti avevano trovato lo straccio usato per avvolgere la pistola e, nascosto sotto il letto, anche Raffaele Pardea, detto “U Ranisi”. Durante la sparatoria, alcune schegge della vetrata della pizzeria avevano colpito la moglie del titolare, rimasta comunque illesa.

Informazione pubblicitaria