Via libera al Piano neve, costituito fondo di 100mila euro

Con il crollo delle temperature, la Provincia delibera le procedure per la gestione di eventuali emergenze dovute a precipitazioni nevose sul territorio e per garantire supporto ai comuni colpiti.

Con il crollo delle temperature, la Provincia delibera le procedure per la gestione di eventuali emergenze dovute a precipitazioni nevose sul territorio e per garantire supporto ai comuni colpiti.

Informazione pubblicitaria

È stato approvato ieri, con delibera del presidente della Provincia, Andrea Niglia, il “Piano neve 2015-2016”. L’atto, la cui validità è fissata, in maniera retroattiva, dall’8 dicembre 2015 al 31 marzo 2016, «salvo il verificarsi di precipitazioni nevose in periodi diversi», individua le procedure da attivare da parte della stessa Provincia di Vibo, in collaborazione con la Prefettura e la Regione.

Informazione pubblicitaria

Lo stesso Piano, giunto in concomitanza con il crollo delle temperature, come da prassi, si articola in tre fasi operative distinte (stato di attenzione – stato di preallarme – stato di allarme) e per ciascuna di esse indica gli adempimenti facenti capo all’amministrazione provinciale, in stretto collegamento con il prefetto in capo al quel permane la competenza ad attivare le componenti dello Stato (Vigili del fuoco, forze armate, forze di polizia, corpo forestale, ecc.).

Ancora, si legge nella delibera, per «fronteggiare eventuali situazioni di emergenza causate da prolungate e abbondanti precipitazioni nevose nel territorio provinciale, il settore viabilità ha redato uno specifico piano onde assicurare la transitabilità delle strade, l’erogazione dei servizi pubblici essenziali, nonché fornire il supporto necessario ai Comuni interessati per la messa in atto dei primi interventi assistenziali nei confronti delle popolazioni colpite».

Quindi, al fine di «garantire nelle situazioni di emergenza il pronto intervento per lo sgombro neve, per la rimozione di formazioni di ghiaccio pericolose e per l’eliminazione delle condizioni di disagio della popolazione, è stato costituito un fondo spese di importo pari a 100mila euro che sarà impiegato per assicurare l’approvvigionamento di beni e materiali di consumo (sale, catene da neve, ecc.), nonché per le necessarie prestazioni di servizio».