Paravati, il Coni finanzia il recupero del Palatenda abbandonato

Stanziati 340mila euro per l’adeguamento e la rigenerazione dell’impianto sportivo lasciato nel degrado da anni. Fondi anche per il campo di calcio di Sant’Onofrio

Stanziati 340mila euro per l’adeguamento e la rigenerazione dell’impianto sportivo lasciato nel degrado da anni. Fondi anche per il campo di calcio di Sant’Onofrio

Informazione pubblicitaria
Il Palatenda abbandonato
Informazione pubblicitaria

Poco meno di un mese fa l’inchiesta sul campo de Il Vibonese aveva focalizzato l’attenzione sul degrado che da anni attanaglia la tensostruttura situata nel centro della frazione Paravati, emblema della cattiva gestione e dello sperpero di denaro pubblico sul territorio comunale di Mileto. Una denuncia che, evidentemente, ha portato fortuna e ha prodotto i suoi frutti. Oggi, infatti, arriva la bella quanto insperata notizia che la struttura è stata inserita tra gli interventi di carattere finanziario predisposti dal Coni nell’ambito del fondo “Sport e periferie”, indirizzato alle strutture sportive localizzate nelle aree svantaggiate e nelle periferie urbane del Paese con l’obiettivo dichiarato, tra l’altro, di rimuovere gli squilibri economici e sociali ivi esistenti. Palpabile la soddisfazione del commissario prefettizio Sergio Raimondo che, affiancato dal sub commissario Giovanni Gigliotti, in questi mesi sta gestendo l’Ente territoriale dopo la fine anticipata dell’Amministrazione guidata da Rosetta Mazzeo. Il decreto, a firma del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri Giancarlo Giorgetti, nello specifico destina, nel quadro del secondo Piano pluriennale degli interventi, circa 340mila euro per l’adeguamento e la rigenerazione dell’impianto polivalente della frazione miletese. Fondi mirati che, se spesi in modo adeguato e con l’accortezza dovuta, dovrebbero finalmente consentire di riattivare e mettere di nuovo a disposizione della comunità l’unico centro polivalente coperto del territorio comunale, purtroppo lasciato via via a marcire e divenuto oggi malinconico simbolo del degrado e covo di serpi e di animali di varia specie, nonostante nell’arco di trent’anni sia costato centinaia di migliaia di euro che ancora oggi in parte gravano sulle spalle dei cittadini. Nella provincia di Vibo Valentia, oltre al Palatenda di Paravati, l’altro progetto inserito nell’elenco predisposto dal Coni e approvato dal Governo è quello riguardante il campo di calcio di Sant’Onofrio, per il cui adeguamento e rigenerazione sono stati in questo caso destinati 215 mila euro. Nel caso della tensostruttura della frazione miletese, il suo ripristino dovrebbe consentire anche di riqualificare e ridare decoro all’intera area. Una zona, tra l’altro densamente abitata, oggi deturpata da un mega impianto fatiscente e ridotto letteralmente a brandelli

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHEL’ Inchiesta | La vergogna del Centro polivalente e del Palatenda di Paravati

Strutture sportive abbandonate tra i rovi, è “allarme serpenti” a Paravati