Carattere

Controlli dell’Arma e delle Fiamme Gialle nell’azienda di Rocco Colacchio a San Costantino. Multa per circa cinquantamila euro

Cronaca

Operazione dei carabinieri della Compagnia di Vibo Valentia e del comando provinciale della Guardia di Finanza contro il lavoro nero. Con l’ausilio dei militari dell’Arma del Nil (Nucleo ispettorato del lavoro) e del Nas (Nucleo antisofisticazione), carabinieri e finanzieri hanno fatto “visita” nell’azienda “Colacchio Food” di Rocco Colacchio, presidente provinciale di Confindustria Vibo dal febbraio del 2017 e titolare dell’omonimo pastificio e panificio con sede a San Costantino Calabro. Al termine dei controlli, carabinieri e finanzieri hanno trovato nello stabilimento quattro lavoratori in nero, fra cui pure uno a cui è stato notificato un ordine di carcerazione e un decreto di sospensione emesso nel 2012 dalla Procura di Verona. L’attività ispettiva ha portato sinora a sanzioni per circa 50mila euro nei confronti dell’imprenditore Colacchio, mentre sono in corso verifiche delle Fiamme gialle per quanto attiene i profili fiscali e l’inquadramento di tutti i lavoratori. Nessuna irregolarità è stata invece riscontrata sul piano igienico-sanitario e nel confezionamento dei prodotti. Rocco Colacchio è entrato a far parte di Confindustria Vibo nel 2007, prima quale presidente della sezione Alimentare e poi quale presidente del gruppo “Giovani” di cui ha ricoperto la carica nazionale di consigliere. E’ attualmente presidente pure di “Calabria di gusto”, prima rete di imprese calabresi nel settore dell’agroalimentare. 

LEGGI ANCHE: Confindustria Vibo tra investimenti e rilancio, Colacchio: «La politica pensi al territorio» (VIDEO)

Confindustria Vibo dopo l’ennesima minaccia: «Serve nuova energia contro l’assuefazione»

Intimidazione a Vibo, Confindustria nel mirino: cartucce e benzina sul cantiere della nuova sede

 

 

Seguici su Facebook