Ionadi, il ministero stanzia 250mila euro. Arena: «Lotta agli “sporcaccioni”»

Il sindaco loda anche il lavoro della Prefettura. I finanziamenti destinati per la sicurezza delle città verranno investiti nella videosorveglianza

Il sindaco loda anche il lavoro della Prefettura. I finanziamenti destinati per la sicurezza delle città verranno investiti nella videosorveglianza

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

«Questo è un importante segnale di vicinanza da parte del ministero dell’Interno. Grazie a tale finanziamento di 242.969,60 euro potremo intervenire adeguatamente per cercare di prevenire, contrastare e risolvere non solo problemi di criminalità, ma anche atti di inciviltà quali, ad esempio, quelli dei tanti “sporcaccioni” che, nonostante un servizio di raccolta differenziata funzionante, amano gettare la spazzatura per strada, inquinando l’ambiente e recando danni alla salute dei cittadini e ulteriori costi economici al Comune. Il risultato conseguito è frutto del lavoro sinergico svolto con la Prefettura di Vibo Valentia, attraverso la progettazione di un nucleo interforze e numerosi tavoli di concertazione. Per quanto mi riguarda, non posso che ringraziare il ministero dell’Interno e tutte le parti a vario titolo coinvolte per l’apporto dato».

Informazione pubblicitaria

Arena AntonioCosì il sindaco di Ionadi Antonio Arena commenta il finanziamento statale ottenuto dal suo Comune, nell’ambito della procedura del ministero concernente le “Disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città”. L’accesso al fondo di circa 250mila euro è stato reso possibile grazie all’incremento della dotazione finanziaria di 30 milioni di euro, e al conseguente scorrimento della graduatoria fino alla 646° posizione. Esso consentirà a Ionadi e agli altri Comuni del Vibonese interessati di predisporre un servizio di controllo del territorio, attraverso una serie di azioni mirate, comprendenti anche l’installazione di un sistema di videosorveglianza.

LEGGI ANCHEVideosorveglianza, nuovi fondi per due milioni di euro a otto comuni vibonesi