Carattere

Dall’erba alta ai serpenti fino alla mancata manutenzione delle opere comuni, il camposanto cittadino vive una nuova stagione di degrado. Noi abbiamo raccolto le voci di protesta di quanti si recano in visita ai propri cari 

Un'area del cimitero infestata da erbacce
Cronaca

Degrado e incuria non dovrebbero regnare in un luogo dedicato al ricordo dei propri cari. Al cimitero di Vibo Valentia, però, la disattenzione e il senso d’abbandono fanno soffrire le famiglie dei defunti. Si fa loro portavoce il presidente del comitato pro cimitero Pietro Iannello che ci racconta di come le difficoltà siano quotidiane. Gli orari affissi non sono aggiornati nell’ingresso principale e non ci sono proprio in quello secondario, circondato in compenso da spazzatura. Sono solo due i giorni a settimana in cui è consentito l’accesso, fino alle 16. Eppure la pulizia non riesce proprio a vedersi per i vialetti che conducono ai loculi. Le sterpaglie, poi, diventano habitat privilegiati per le serpi, meglio evitarle - ci racconta una signora di passaggio. Alcune zone del cimitero sono addirittura lasciate a sé stesse: l’erba è tanto alta da impedire la visione delle croci in memoria dei defunti. Per non parlare poi delle gravi condizioni in cui versano alcune strutture, dai pilastri compromessi. A mostrarci il loro disappunto non solo i membri del comitato Pro cimitero ma tanti cittadini delusi dal comportamento di chi dovrebbe - ma non lo fa - occuparsi del camposanto garantendo sia al suo esterno che al suo interno il giusto decoro.

Lacnews24.it
X

Seguici su Facebook