Carattere

Il primo cittadino: «Risolti alcuni problemi con Sorical, stiamo facendo il possibile. Ma ricordiamoci che in questa fase l’acqua va usata solo per fini domestici». Gli esercenti: «Problema atavico, ma quest’anno è peggiorato»

Cronaca

 

«Con l’acqua che viene erogata potabilmente non si possono innaffiare orti e giardini, non si può lavare l’auto. Siamo in piena emergenza idrica e questo divieto deve essere rispettato». All’indomani delle raccomandazioni del primo cittadino Maria Limardo è ancora crisi idrica a Vibo Valentia, ed a pagarne le conseguenze sono i cittadini e gli esercenti. Abbiamo sentito alcuni di loro che ci hanno raccontato le difficoltà di vivere e lavorare in queste condizioni. Condizioni che, tra l’altro, peggiorano di anno in anno. Un problema atavico, che si ripresenta puntualmente nel periodo estivo. «Siamo cresciuti con questo problema, ormai ci sembra normale. Ma ora manca sempre un po’ prima, un tempo restavamo a secco dalle sei del pomeriggio, in questi giorni invece inizia a mancare già dal pomeriggio o addirittura dalla mattina», ci racconta una ragazza titolare di un bar del centro. 

Il sindaco ha disposto controlli a sorpresa per accertare eventuali furti tramite allacci abusivi, ribadendo l’esistenza di multe fino a 500 euro per chi fa un uso distorto dell’acqua. «Da quattro giorni siamo regolarmente senza, ci riforniamo tramite autobotti», ha aggiunto un altro cittadino. «Abbiamo risolto qualche problema con Sorical - ha concluso il primo cittadino - e cerchiamo di rispondere a tutte le segnalazioni». Ma i problemi restano e i cittadini continuano a patirne le conseguenze.

Lacnews24.it
X

Seguici su Facebook