Autobomba di Limbadi, in corso a Catanzaro l’udienza preliminare – Video

Si attende la decisione sulla richiesta di rinvio a giudizio formulata dalla Procura. L’avvocato Giuseppe De Pace: «Ci aspettiamo che la giustizia inizi finalmente il suo corso»

Si attende la decisione sulla richiesta di rinvio a giudizio formulata dalla Procura. L’avvocato Giuseppe De Pace: «Ci aspettiamo che la giustizia inizi finalmente il suo corso»

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

È in corso al Tribunale di Catanzaro l’udienza preliminare del procedimento che mira far luce sulle responsabilità penali per l’autobomba di Limbadi, fatta esplodere il 9 aprile dello scorso anno e costata la vita a Matteo Vinci e gravi ustioni e ferite al padre Francesco. Presenti i genitori della vittima Rosaria Scarpulla e Francesco Vinci. «Ci aspettiamo che finalmente la giustizia inizi il suo corso – ha dichiarato poco prima dell’udienza il legale della famiglia Vinci, Giuseppe De Pace -. Ci aspettiamo che venga riconosciuta la fondatezza dell’accusa nei confronti degli imputati. Ci aspettiamo che i trabocchetti che hanno cercato di seminare lungo il percorso nell’ultimo periodo oggi non abbiano modo di attuarsi». Il gup distrettuale di Catanzaro, Paola Ciriaco, dovrà decidere sulla richiesta di rinvio a giudizio inoltrata dalla Dda. «Se così non dovesse essere – spiega l’avvocato – gli imputati verranno rimessi in libertà e tutto comincerebbe da capo nella ricerca dei colpevoli dell’orrendo crimine che è stato compiuto il 9 aprile 2018».

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHEProcesso autobomba a rilento, la rabbia e il coraggio di Sara Scarpulla – Video

L’appello | Processo autobomba di Limbadi: «Basta silenzi e omissioni» – Video

Processo autobomba, Angela Napoli: «Il ministro accerti eventuali responsabilità»

Autobomba di Limbadi e udienza a rischio, l’avvocato De Pace scrive al ministro della Giustizia

Autobomba di Limbadi: salta udienza e scatta la “protesta” di Sara Scarpulla