Rottura della condotta dell’acqua a Joppolo, l’Anas smentisce la Sorical

L’ente sostiene che il danneggiamento è avvenuto 300 metri più a valle rispetto al cantiere dei lavori per la riapertura della Strada del Mare 

L’ente sostiene che il danneggiamento è avvenuto 300 metri più a valle rispetto al cantiere dei lavori per la riapertura della Strada del Mare 

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Non ci sta l’Anas alla nota stampa della Sorical secondo la quale il disgaggio dei massi per rimettere in sicurezza la Strada del Mare avrebbe provocato seri danni alla condotta dell’acqua che serve diversi comuni: da Joppolo e Nicotera sino a Ricadi e Tropea. “Precisiamo che il cantiere Anas non è stato interessato dalla caduta massi. I lavori Anas per la messa in sicurezza della strada – spiega lo stesso ente che sta eseguendo i lavori sulla strada – si svolgono più a monte. Le attività sono in corso dal km 0,000 al km 0,900 fino alla galleria, mentre la condotta dell’acquedotto danneggiata si trova circa 300 metri più a valle, in direzione Joppolo”. La Sorical in mattinata aveva invece sostenuto il contrario spiegando che vanno sostituiti 300 metri di condotta al fine di ripristinare l’erogazione dell’acqua e che il cedimento del fronte di roccia e la caduta dei massi si è verificato proprio “nell’area di cantiere dell’Anas, dove si sta procedendo alla messa in sicurezza della strada attraverso il “disgaggio” dei grossi massi situati sul costone sovrastante e il loro rotolamento a valle”.

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHE: Massi in caduta sulla Joppolo-Coccorino, seri danni alla condotta Sorical – Video