Udienza preliminare all’undicesimo rinvio, processo per droga a rischio prescrizione

Il procedimento scaturito dall’inchiesta antidroga “Sister Mary”, condotta nel 2005 dai carabinieri di Serra San Bruno, ha subito oggi l’ennesimo rinvio poiché un indagato (detenuto) non è giunto in aula.

Il procedimento scaturito dall’inchiesta antidroga “Sister Mary”, condotta nel 2005 dai carabinieri di Serra San Bruno, ha subito oggi l’ennesimo rinvio poiché un indagato (detenuto) non è giunto in aula.

Informazione pubblicitaria

Nulla di fatto e undicesimo rinvio di fila dinanzi al gup di Vibo Valentia per il procedimento nato dall’inchiesta antidroga denominata “Sister Mary” condotta nel 2005 dai carabinieri di Serra San Bruno.

Nonostante la richiesta di rinvio a giudizio del pm Michele Sirgiovanni nei confronti di 13 indagati risalga al 13 settembre 2011, a cinque anni di distanza l’udienza preliminare è stata oggi rinviata poiché uno degli indagati – detenuto per altro – non è stato tradotto in aula.

Nuovo rinvio dell’udienza preliminare da parte del gup, quindi, al 4 maggio prossimo. Il procedimento rischia a questo punto di chiudersi concretamente con un “non luogo a procedere” per prescrizione di tutti i reati.

Gli indagati sono tutti accusati di concorso in spaccio e detenzione di cocaina e marijuana, con l’aggravante dell’ingente quantità. Dodici gli imputati – di Soriano Calabro, Vibo Valentia, Gerocarne, Lamezia Terme e Catanzaro – per i quali la Procura ha chiesto il rinvio a giudizio nel 2011. Un tredicesimo indagato è nel frattempo deceduto. (Agi)