sabato,Settembre 25 2021

Costa Pulita, convalidato l’arresto di Nino Accorinti

Il presunto boss dell'omonima cosca ha rigettato ogni accusa, rifiutando di avvalersi della facoltà di non rispondere.

Costa Pulita, convalidato l’arresto di Nino Accorinti

Il provvedimento di fermo emesso dai pubblici ministeri antimafia Pietropaolo Bruni e Camillo Falvo nei confronti di Antonino Accorinti, 60 anni, ritenuto capo dell’omonimo clan di Briatico, è stato convalidato.

L’uomo, difeso dall’avvocato Giuseppe Bagnato, è comparso davanti al giudice delle indagini preliminari rigettando ogni accusa che gli è stata mossa. Si è detto completamente estraneo ai fatti, rinunciando, come invece hanno fatto altri indagati nell’ambito dell’operazione “Costa pulita”, alla facoltà di non rispondere.

Il gip di Vibo Valentia, Alberto Filardo, espletate le formalità di rito, si è dichiarato incompetente e ha trasmesso tutte le carte alla Procura distrettuale di Catanzaro.

Nel corso della vasta operazione contro le consorterie criminali del litorale vibonese, scattata martedì scorso ad opera di Carabinieri, Polizia e Guardia di Finanza, era sfuggito alla cattura delle forze dell’ordine per poi essere preso nei giorni successivi.

Costa pulita, catturato Nino Accorinti

Articoli correlati

top