sabato,Maggio 18 2024

‘Ndrangheta e narcotraffico: 30 gli indagati nell’inchiesta della Dda di Milano, diversi i vibonesi

Avrebbero operato in Lombardia attraverso la costituzione di ‘ndrine e strutture mafiose. Perquisizioni a Nicotera e Mileto

‘Ndrangheta e narcotraffico: 30 gli indagati nell’inchiesta della Dda di Milano, diversi i vibonesi
Damiano Aquilano

Sono in totale 30 gli indagati coinvolti in un’inchiesta della Dda di Milano – coordinata dal pm Alessandra Cerreti – accusati a vario titolo di associazione mafiosa e associazione a delinquere finalizzata al narcotraffico. L’inchiesta è condotta sul “campo” dai carabinieri del Ros di Milano. Diversi i vibonesi coinvolti. Ecco tutti gli indagati: Luigi Aquilano, 44 anni, di Nicotera, residente a Milano (genero del boss Antonio Mancuso); Damiano Aquilano, 38 anni, di Milano, residente a Solaro (Mi), già coinvolto nell’operazione “Ossessione” della Dda di Catanzaro; Alessio Calabrese, 42 anni, di Monza; Nazzareno Calaio, 53 anni, di Milano; Salvatore Comerci, 37 anni, di Nicotera; Christian Cucumazzo, 28 anni, di Bari (già detenuto); Giuseppe D’Angelo, 43 anni, di Nicotera; Rosario D’Angelo, 38 anni, di Nicotera, residente Bresso (Mi); Nicola De Luca, 50 anni, di Milano; Francesco Orazio Desiderato, 48 anni, di Nicotera, residente a Berlassina (Mb); Edoardo Di Giacco, 39 anni, di Badia di Limbadi, residente a Milano; Giuseppe Di Giacco, 37 anni, di Badia di Limbadi, residente a Milano; Arturo Garofalo, 32 anni, nativo di Palermo, domiciliato a Milano; Andrea Gobbo, 23 anni, di Solaro (Mi); Cosimo Michele Iozzolino, 61 anni, di Corigliano Calabro, residente a Milano; Nicola La Valle, 52 anni, nativo di Reggio Calabria ma residente a Milano; Luciano Lioniello, 46 anni, nato a Roma, residente ad Ibiza; Alfred Lleshi, 32 anni, albanese residente a Rho (Mi); Alessandro Marangi, 51 anni, di Milano; Giorgio Mariani, 64 anni, di Milano; Massimiliano Mazzianti, 50 anni, di Milano; Paolo Mesiano, 46 anni, di Mileto, residente a Milano; Antonio Messineo, 41 anni, di Locri; Ylber Mezja, 46 anni, albanese residente a Baranzate (Mi); Viola Moretti, 33 anni, nata a Terni ma residente a Milano; Fortunato Palmieri, 37 anni, di Mileto; Ugo Reitano, 42 anni, di Sesto San Giovanni (Mi); Vito Scravaglieri, 47 anni, di Nova Milanese; Davide Vailati, 47 anni, di Milano, domiciliato ad Ibiza; Giovanni Vecchio, 64 anni, di Nicotera, residente a Milano (già coinvolto nel processo in abbreviato nato dall’operazione Rinascita Scott con reato dichiarato prescritto nella sentenza in abbreviato. La Dda di Catanzaro aveva chiesto per lui 6 anni di reclusione).

A Luigi Aquilano, Salvatore Comerci, Francesco Orazio Desiderato, Giuseppe Di Giacco, Nicola La Valle, Giorgio Mariani, Ugo Reitano, Davide Vailati e Giovanni Vecchio viene contestato il reato di associazione mafiosa avendo operato in Lombardia – secondo l’accusa – per conto di alcuni locali di ‘ndrangheta. In particolare, Luigi Aquilano avrebbe mantenuto contatti con il clan Mancuso di Limbadi mentre l’associazione avrebbe creato un collegamento pure con Ibiza, in Spagna. L’associazione avrebbe cercato di assicurarsi il controllo di diverse attività economiche, in particolare nel settore della somministrazione di alimenti e bevande, oltre a i servizi di sicurezza in Italia ed all’estero. L’associazione avrebbe poi operato pure nel traffico di sostanze stupefacenti.
A Luigi Aquilano, Ugo Reitano, Davide Vailati, Nicola De Luca e Luciano Lionello viene contestata anche un’estorsione avvenuta nel maggio 2019 in provincia di Torino, mentre lo stesso Luigi Aquilano, Davide Vailati, Giuseppe Di Giacco e Ugo Reitano devono rispondere per altra estorsione avvenuta a Milano nel luglio 2019.
Luigi Aquilano si sarebbe poi impegnato ad intercedere con un avvocato per farlo desistere dal tentativo di acquisire la proprietà di un ristorante sul Ticino.
Promotore e vertice dell’associazione dedita al narcotraffico viene indicato sempre Luigi Aquilano, che ha sposato una figlia del boss Antonio Mancuso (cl. ’38). Avrebbe inoltre partecipato ad una riunione con esponenti di altra famiglia di ‘ndrangheta allo stato non identificati, al fine di dirimere una controversia sorta per un debito contratto da Giuseppe Baratta per la fornitura di stupefacente. A Luigi Aquilano sarebbero finiti anche i soldi provento dei delitti dell’associazione. Il denaro sarebbe stato distribuito dallo stesso Aquilano fra gli associati, provvedendo anche al sostentamento dei detenuti e al pagamento delle spese legali.

Salvatore Comerci, anche lui genero del boss Antonio Mancuso per aver sposato altra figlia, è accusato di aver coadiuvato il cognato Luigi Aquilano nel comando dell’associazione mafiosa e nel traffico di sostanze stupefacenti. Nicola La Valle sarebbe stato, invece, uomo di “massima fiducia” di Luigi Aquilano, mentre il ruolo di organizzatori dell’associazione viene contestato anche a Ugo Reitano e Davide Vailati.

Articoli correlati

top