martedì,Febbraio 7 2023

Reddito di cittadinanza finito a condannati per gravi reati: 26 richieste di rinvio a giudizio a Vibo

La Procura contesta il reato di truffa aggravata. Contributi finiti anche a condannati per mafia, narcotraffico, omicidio, sequestro di persona ed estorsione. Ecco tutte le accuse

Reddito di cittadinanza finito a condannati per gravi reati: 26 richieste di rinvio a giudizio a Vibo

Truffa aggravata per la percezione indebita del reddito di cittadinanza. Questa l’accusa mossa dalla Procura di Vibo Valentia che ha chiesto il rinvio a  giudizio nei confronti di 26 indagati coinvolti in un’inchiesta della Guardia di finanza (Tenenza di Tropea) avviata lo scorso anno.

In particolare, la richiesta di rinvio a giudizio interessa: Pasquale Accorinti, 53 anni, di Santa Domenica di Ricadi; Silverio Agosto, 44 anni, di Nicotera; Giacomo Albanese, 62 anni, di Tropea; Domenico Burzì, 55 anni, di Joppolo;  Francesco Carone, 42 anni, di Tropea; Carmine Cocciolo, 40 anni, di Ricadi; Saverio Corigliano, 52 anni, di San Giovanni di Mileto; Giovanni D’Aloi, 56 anni, di Nicotera; Michele De Benedetto, 65 anni, di Tropea; Francesco Donato, 55 anni, di Sant’Angelo di Gerocarne; Francesco La Rosa, 48 anni, di Tropea; Teresa Lo Bianco, 46 anni, di Portosalvo; Daniele Marturano, 49 anni, di Cessaniti; Leonardo Melluso, 57 anni, di Briatico; Ezio Mercuri, 58 anni, di Nicotera; Pasquale Morgante, 52 anni, nativo di Seminara, residente a Vibo ma elettivamente domiciliato a Piedimonte S.Germano (Fr); Gaetano Muscia, 58 anni, di Tropea; Raffaele Pardea, 63 anni, di Vibo Marina; Stefano Polito, 50 anni, di Joppolo; Carmen Rizzuto, 43 anni, di Vibo Valentia; Giuseppe Scarmozzino, 52 anni, di Acquaro; Vito Sportelli, 45 anni, di Putignano (Ba); Francesco Tavella, 54 anni, di Portosalvo; Rosario Tavella, 32 anni, di Vibo Marina; Francesco Todarello, 56 anni, di San Calogero; Antonio Zaccaro, 50 anni, di Tropea. [Continua in basso]

Le singole contestazioni

Gli indagati sono tutti accusati di aver omesso di comunicare informazioni dovute che avrebbero comportato la decadenza dalla percezione del reddito di cittadinanza. I controlli della Finanza hanno consentito di individuare 26 persone che, in prima persona o attraverso i propri familiari, hanno chiesto ed ottenuto dall’Inps il beneficio economico del reddito di cittadinanza, omettendo di dichiarare l’esistenza a loro carico di condanne (anche per associazione a delinquere di tipo mafioso).

Pasquale Accorinti

Pasquale Accorinti è stato infatti condannato a 4 anni ed un mese (sentenza definitiva dal 2017) per narcotraffico, oltre alla pena accessoria dell’interdizione dai pubblici uffici per cinque anni che l’avrebbe privato dal ricevere assegni da qualunque ente pubblico. Accorinti avrebbe percepito indebitamente la somma totale di 23.500,00 euro tra aprile 2019 e marzo 2021. Stesso discorso per Silverio Agosto, pure lui condannato per narcotraffico (2 anni e 10 mesi) con interdizione a cinque anni. Avrebbe percepito indebitamente 9.500,00 euro. Per Giacomo Albanese, invece, la percezione indebita ammonta a 397,17 euro, avendo omesso di comunicare un cumulo di pena e l’interdizione perpetua dai pubblici uffici. Per Domenico Burzì la percezione indebita ammonta – secondo l’accusa – a 12.022,84 euro, essendo stato condannato a 3 anni per narcotraffico (e interdizione dai pubblici uffici per cinque anni). [Continua in basso]

Giovanni D’Aloi

Nei confronti di Francesco Carone la percezione indebita contestata ammonta a 11.927,88 euro (essendo stato condannato a 7 anni per narcotraffico ed all’interdizione perpetua dai pubblici uffici). Carmine Cocciolo è invece accusato di aver indebitamente percepito la somma di 4.422,68 euro (essendo stato condannato a 3 anni e 4 mesi per estorsione ed all’interdizione per cinque anni dai pubblici uffici), mentre Saverio Corigliano avrebbe indebitamente percepito 6.902,50 euro (pur essendo stato condannato a 2 anni e 8 mesi per procurata inosservanza di pena ed a cinque anni di interdizione). Fra i percettori del reddito di cittadinanza (2.499,92 euro) anche Giovanni D’Aloi, condannato in via definitiva per associazione mafiosa (clan Mancuso) al termine del processo “Black money” ed all’interdizione perpetua dai pubblici uffici. Percezione indebita contestata pure a Michele De Benedetto, condannato nel 1984 a ben 27 anni di reclusione per rapina, sequestro di persona a scopo di estorsione e ricettazione. Pur essendo interdetto in perpetuo dai pubblici uffici avrebbe percepito indebitamente 12.920,95 euro.

Francesco Donato

Francesco Donato è stato invece condannato a 8 anni per tentato omicidio ai danni dell’avvocato vibonese Rosario Lopreiato e per estorsione. Pur interdetto dal 2016 dai pubblici uffici, è accusato di aver indebitamente percepito 7.982,38 euro. C’è poi Francesco La Rosa di Tropea, condannato a 5 anni per associazione mafiosa al termine dell’operazione “Peter Pan”: avrebbe percepito indebitamente 2.540,00 euro. Somma più consistente – 17.669,95 euro – viene contestata quale percezione indebita a Teresa Lo Bianco che avrebbe omesso di comunicare che il proprio coniuge convivente, Sante Tripodi di Portosalvo, è stato condannato a 6 anni e 8 mesi per associazione mafiosa ed estorsione ed all’interdizione dai pubblici uffici per cinque anni. [Continua in basso]

Leonardo Melluso

Usura è invece il reato per il quale è stato condannato a 5 anni Daniele Marturano (ed all’interdizione per cinque anni). Avrebbe indebitamente percepito 197,30 euro fra l’aprile ed il giugno 2019. Anche Leonardo Melluso, ritenuto a capo dell’omonimo clan di Briatico – e condannato a 10 anni nel processo in abbreviato denominato “Costa Pulita” (è in corso l’appello) – figura fra i beneficiari del reddito di cittadinanza per la somma di 1.527,75 euro. Ezio Mercuri di Nicotera è invece accusato di aver indebitamente percepito la somma di 10.767,73 euro pur essendo stato condannato in via definitiva a 3 anni (più 2 anni di interdizione dai pubblici uffici), mentre Pasquale Morgante è stato condannato per narcotraffico a 4 anni e 6 mesi per narcotraffico ed alla pena accessoria cinque anni dai pubblici uffici. Tra aprile 2019 e settembre 2020 e poi fra dicembre 2020 e marzo 2021 avrebbe indebitamente percepito la somma totale di 15.760,00 euro.

Gaetano Muscia

Ammonta invece a 8.593,68 euro la somma (fra il settembre 2019 e il 26 marzo 2021) che sarebbe stata percepita indebitamente da Gaetano Muscia di Tropea, condannato a 5 anni per narcotraffico ed alla pena accessoria dell’interdizione dai pubblici uffici.
Fra i percettori del reddito di cittadinanza anche Raffaele (detto Lello) Pardea, attualmente imputato nel maxiprocesso Rinascita Scott. Avrebbe percepito la somma totale di 4.500,00 euro tra aprile 2019 e settembre 2020, e tra luglio 2020 e marzo 2021, pur avendo una condanna definitiva sin dal 2017 a 3 anni e 6 mesi per danneggiamento (e l’interdizione dai pubblici uffici per cinque anni).

Raffaele Pardea

Narcotraffico è poi il reato per il quale è stato condannato Stefano Polito di Joppolo, il quale avrebbe omesso di comunicare la condanna definitiva a 5 anni e 20 giorni, oltre all’interdizione perpetua dai pubblici uffici. Avrebbe così indebitamente percepito 4.919,70 euro.
Carmen Rizzuto avrebbe invece omesso di comunicare che il coniuge convivente Giuseppe Prestanicola è stato condannato in via definitiva per associazione mafiosa e furto a 3 anni e 6 mesi. La donna è accusata di aver indebitamente percepito 3.078,21 euro fra maggio 2019 e giugno 2020.

Più consistente la somma contestata a Giuseppe Scarmozzino 15.882,28 euro – per erogazioni che vanno da aprile 2019 a gennaio 2020 e da gennaio a marzo 2021. Avrebbe omesso di comunicare di essere stato condannato nel 2018 (con interdizione a cinque anni).

Sante Tripodi

Vito Sportelli avrebbe invece omesso di comunicare di essere stati condannato dalla Corte d’Appello di Lecce (definitiva il 5 aprile 2016) a 6 anni e 8 mesi per violenza, estorsione, incendio e rapina (interdetto in perpetuo dai pubblici uffici). Avrebbe percepito indebitamente 436,04 euro.
Per Francesco Tavella di Portosalvo la percezione indebita ammonta a 20.700,00 euro. E’ stato condannato per estorsione a 5 anni e 6 mesi ed interdetto in perpetuo dai pubblici uffici. Ammonta invece a 2.438,48 euro la contestazione mossa a Rosario Tavella, condannato a 3 anni e 5 mesi per lesioni personali ed estorsione.

Francesco Todarello

Francesco Todarello di San Calogero – che avrebbe percepito indebitamente 2.500,00 euro – è stato infine condannato a 16 anni per omicidio e rapina ed all’interdizione perpetua dai pubblici uffici, mentre Antonio Zaccaro è stato condannato a 17 anni per omicidio, lesioni personali ed all’interdizione perpetua dai pubblici uffici (con sentenza divenuta definitiva nel 1998). Avrebbe percepito indebitamente 2.673,16 euro.

I difensori

Nel collegio di difesa ci sono gli avvocati: Giuseppe Monteleone, Giuseppe Spinelli, Giuseppe Orecchio, Sandro D’Agostino, Gaetano Scalamogna, Antonio Barilaro, Giuseppe Bagnato, Carmine Pandullo, Francesco Schimio, Salvatore Sorbilli, Patrizio Cuppari, Pietro Antonio Corsaro, Francesco Alessandria, Francesco Muscia, Domenico Infantino, Giuseppe Bruno, Maria Teresa Battaglia, Mario Bagnato, Marco Sciascia, Raffaele Mascolo.  

LEGGI ANCHE: Reddito di cittadinanza a Vibo ad indagati di Rinascita Scott: in 16 rinviati a giudizio

Reddito di cittadinanza nel Vibonese e guai con la giustizia: 23 indagati

Articoli correlati

top