martedì,Aprile 23 2024

Reddito di cittadinanza ad indagati di Rinascita Scott: processo rinviato di cinque mesi

Il nuovo giudice designato si è insediato solo ieri. Slitta a maggio l’apertura del dibattimento nato un’inchiesta che mira ad accertare la penale responsabilità degli imputati che non avrebbero comunicato di essere raggiunti da misure cautelari personali o di avere familiari coinvolti nell’operazione antimafia

Reddito di cittadinanza ad indagati di Rinascita Scott: processo rinviato di cinque mesi
Sergio Gentile

Nulla da fare per l’inizio del processo relativo ad un’inchiesta della Procura di Vibo Valentia che mira a far luce sulla percezione indebita del reddito di cittadinanza. Il giudice Giorgia Maria Ricotti, designata inizialmente per il processo, ha infatti assunto da qualche tempo il nuovo ruolo di gup e, pertanto, al suo posto è stato designato un nuovo magistrato che si è però insediata solo ieri con il giuramento insieme a cinque colleghi. E’ toccato quindi al giudice Rosa Maria Luppino rendere oggi noto alle parti il rinvio del processo ad oltre cinque mesi di distanza: data della prossima udienza il…4 maggio 2023. Il rinvio a giudizio degli imputati si era registrato il 13 luglio scorso, mentre la chiusura delle indagini preliminari risale al dicembre 2021. Sotto processo si trovano: Cinzia De Vito (cl. ’86) di Piscopio; Vincenzo Lacquaniti (cl. ’71), di San Gregorio d’Ippona; Rosario Romano (cl. ’52) di Briatico; Daniela Morgante (cl. ’81), di Ionadi; Giuseppe Lo Bianco (cl. ’72), di Vibo Valentia; Ilenia Pettè (cl. ’87), di Ionadi; Nicola D’Urzo (cl. ’62), di Sant’Onofrio; Antonino Barbieri (cl. 59), di Pannaconi di Cessaniti; Giuseppina Greco (cl. ’86), di Sciconi; Anna Maria Paino (cl. ’62) di Vibo Valentia; Gaetano Loschiavo (cl. ’88), di Pizzo; Sergio Gentile (cl. ’79), alias “Toba”, di Vibo Valentia; Simona Casuscelli (cl. ’86), di Vibo Valentia; Claudia Mazzitelli (cl. ’93), di Briatico; Francesca Burzì (cl. ’94), di Pernocari di Rombiolo; Antonino Lo Bianco (cl. ’60) di Vibo Valentia. [Continua in basso]

Antonino Barbieri

Sono accusati di aver percepito indebitamente il reddito di cittadinanza rendendo false dichiarazioni all’atto della richiesta, ovvero omettendo di comunicare informazioni dovute e rilevanti ai fini della revoca entro i termini previsti, durante l’erogazione delle somme. Una prima parte dell’inchiesta della Guardia di finanza, Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria e Gico, ha portato al sequestro della somma complessiva di 114.262,81 euro.

Nel collegio di difesa figurano gli avvocati Santo Cortese, Giuseppe Grande, Giosuè Monardo, Giuseppe Bagnato, Daniela Garisto, Salvatore Sorbilli, Ignazio Di Renzo, Giuseppe Altieri, Diego Brancia, Walter Franzè, Guido Contestabile, Vincenzo Gennaro, Sandro Furfaro, Claudio Rea, Domenico Natale.
PER LE SINGOLE CONTESTAZIONI LEGGI QUI: Reddito di cittadinanza a Vibo ad indagati di Rinascita Scott: in 16 rinviati a giudizio

Reddito di cittadinanza nel Vibonese senza essere italiani da almeno dieci anni, indagati in 111 – NOMI

Articoli correlati

top