Protesta all’Asp, Codacons e Adoc a fianco dei manifestanti

Le due associazioni condividono la scelta dei cittadini nicoteresi di non partecipare al tavolo tecnico convocato dal prefetto

Le due associazioni condividono la scelta dei cittadini nicoteresi di non partecipare al tavolo tecnico convocato dal prefetto

Informazione pubblicitaria
I manifestanti di fronte agli uffici Asp

La protesta di questa mattina dei cittadini di Nicotera che si sono rifiutati di partecipare al tavolo tecnico sul mare sporco convocato dal prefetto di Vibo Valentia, Carmelo Casabona, e hanno occupato per qualche ora la sede del Dipartimento Prevenzione dell’Asp ha trovato una sponda nelle associazioni Codacons e Adoc.

VIDEO | L’irruzione dei manifestanti di Nicotera negli uffici Asp

«Ciò che si era chiesto era la predisposizione – si legge in una nota – di un momento di incontro finalizzato ad individuare le criticità e possibili soluzioni. Si ritiene che la mancanza tra i vari partecipanti, di soggetti dotati di potere decisionale e titolati di posizioni amministrative inerenti la questione oggetto di denuncia, rischia di spostare la problematica su un piano politico laddove il problema è di urgenza assoluta e tale da richiedere azioni tempestive».

A tal fine, si i due sodalizi hanno chiesto che «presso il Dipartimento prevenzione si presentino i rappresentanti tecnici della Regione».

Mare sporco, manifestanti occupano gli uffici dell’Asp. Tensioni con le forze dell’ordine