La nave scuola della Guardia di finanza accolta dalla Pro loco

La “Giorgio Cini” ospita a bordo 36 ragazzi di età compresa tra i 15 ed i 17 anni, figli i appartenenti al Corpo che hanno avuto modo di conoscere da vicino le bellezze di Vibo Marina

La “Giorgio Cini” ospita a bordo 36 ragazzi di età compresa tra i 15 ed i 17 anni, figli i appartenenti al Corpo che hanno avuto modo di conoscere da vicino le bellezze di Vibo Marina

Informazione pubblicitaria
La nave scuola della Gdf

La “Giorgio Cini”, la nave scuola della Guardia di finanza, ha toccato il porto di Vibo Marina ove rimarrà attraccata alla banchina Fiume fino ad oggi, 22 luglio, per poi salpare alla volta di Gaeta. La prestigiosa nave che rappresenta anche l’Ammiraglia della flotta del Corpo, lunga 54 metri e larga 10 può ospitare circa 100 militari tra allievi, istruttori ed equipaggio.

L’attuale crociera riveste un carattere speciale rientrando nel “Progetto Giovani 2016 – Estate con la Guardia di Finanza”; infatti questa volta la “Giorgio Cini” ospita a bordo 36 ragazzi di età compresa tra i 15 ed i 17 anni, figli i appartenenti al Corpo e vincitori del Concorso “Educazione alla Legalità Economica” svoltosi in tutta Italia d’intesa con il Miur e rivolto agli studenti delle scuole primaria e secondaria; l’iniziativa, che ha coinvolto circa 120.000 studenti negli oltre 1.400 Istituti visitati dai militari del Corpo, ha riscosso un enorme successo con oltre 1000 i partecipanti.

La nave scuola della Guardia di finanza approda a Vibo Marina

«Al punto mobile IAT della Pro Loco posto sul porto vicino alla nave scuola – ha fatto sapere l’associazione di Vibo Marina -, abbiamo avuto modo di salutare questi ragazzi provenienti da varie regioni molto entusiasti del soggiorno seppur breve, di raccogliere qualche loro impressione sul nostro territorio percepita dagli occhi di giovani molti dei quali sono stati in varie località estere e per la prima volta vengono a scoprire la Calabria. Ci hanno riferito essenzialmente aspetti positivi, di essersi trovati bene a Vibo Marina, di aver molto apprezzato la tranquillità e l’accoglienza del “paese-porto” con i suoi 150 anni di storia; un luogo apparso grazioso tra mare, cielo, collina anche se da tutelare; un porto con facilità di attracco, ampie banchine disponibili e vivibili accanto alla nave sino a tarda sera; la comodità di poter effettuare – spesso in gruppo – ogni percorso tranquillamente a piedi, dal porto al lungomare, al centro cittadino, sino ai vicini luoghi di balneazione ove – a loro dire – hanno goduto del mare apparso a loro di colore cristallino; hanno gustato la buona cucina dei locali vicino al porto, acquistato prodotti alimentari tipici calabresi, approvvigionato la nave generi alimentari comprati in loco; non per ultimo, apprezzato molto il supporto del Reparto Operativo Aeronavale della Guardia di Finanza di Vibo Marina».

Infine, si riferisce di un’opportunità persa: «I ragazzi della nave “Giorgio Cini” – puntualizza la Pro loco -hanno anche effettuato un’escursione nella vicina Pizzo Calabro; avrebbero forse voluto visitare la Tonnara di Bivona che hanno visto nei cartelloni della nostra mostra storico-fotografica e la cui fruibilità non può essere più rinviata anche quale riferimento tra i più singolari e vicine al porto per le escursioni della crocieristica. Confidiamo con l’aiuto delle amministrazioni, di fare del nostro meglio per organizzare una visita guidata alla prossima crociera della “Giorgio Cini” che toccherà molto probabilmente, data l’accoglienza e l’esperienza positiva, ancora il porto di Vibo Marina».