Circense ucciso, Alex Orfei sentito dal pm

L'aggressore del trapezista Werner De Bianchi, ha parlato dei motivi alla base dell’attrito con il collega senza dire nulla sulla lite. Investigatori sulle tracce di chi l’avrebbe spalleggiato

L'aggressore del trapezista Werner De Bianchi, ha parlato dei motivi alla base dell’attrito con il collega senza dire nulla sulla lite. Investigatori sulle tracce di chi l’avrebbe spalleggiato

Informazione pubblicitaria
Il supermercato di Ricadi dove è avvenuto il ferimento di De Bianchi

E’ stato sentito dal pm della Procura di Vibo Valentia, Alex Orfei, l’uomo di 31 anni ritenuto il responsabile dell’omicidio del collega Werner De Bianchi, di 36 anni, avvenuto al culmine di una lite a Santa Domenica di Ricadi, in Calabria.

Lite tra circensi degenera in omicidio, arrestato Alex Orfei

Orfei ha parlato con il magistrato dei motivi alla base dell’attrito con De Bianchi e del mancato pagamento del debito di poche migliaia di euro senza dire nulla dell’aggressione. L’impressione è che voglia coprire le altre persone, tre o quattro, che lo avrebbero spalleggiato nella spedizione punitiva contro il rivale, e che sono in corso di identificazione.

Uomo accoltellato e ucciso, Orfei si vanta su Facebook

Gli investigatori, che sperano al più presto di chiudere definitivamente il cerchio sulla vicenda, stanno visionando le immagini registrate dagli impianti di videosorveglianza attivi nella zona dove si è consumato il dramma, il parcheggio di un supermercato, a caccia di elementi utili a ricostruire la dinamica dei fatti e a individuare altre eventuali responsabilità. (Ansa)

Circense ucciso, prima di morire la vittima fa il nome del suo assassino