Sisma, da San Gregorio un euro per ogni abitante al Comune di Amatrice

Iniziativa dell’amministrazione comunale guidata da Michele Pannia a favore del centro maggiormente colpito dal terremoto del 24 agosto scorso. 2500 euro destinati alla ricostruzione delle scuole

Iniziativa dell’amministrazione comunale guidata da Michele Pannia a favore del centro maggiormente colpito dal terremoto del 24 agosto scorso. 2500 euro destinati alla ricostruzione delle scuole

Amatrice devastata dal sisma
Informazione pubblicitaria

«L’amministrazione comunale di San Gregorio d’Ippona, a seguito del violentissimo terremoto del 24 agosto 2016 che ha scosso alcuni territori dell’Italia centrale, seminando ovunque morte e distruzione  ha considerato giusto e doveroso, in nome dell’umana solidarietà e della comune appartenenza alla Nazione, intervenire concretamente in aiuto delle popolazioni così duramente provate, contribuendo con la somma simbolica di 1 Euro per ogni cittadino di San Gregorio d’Ippona, per un importo totale arrotondato di 2.500,00 euro, corrispondenti all’incirca al numero attuale di residenti nel territorio comunale». 

Informazione pubblicitaria

È quanto fa sapere il Comune di San Gregorio in una comunicazione firmata dal sindaco Michele Pannia. Un gesto encomiabile «piccolo ma significativo, che riteniamo esprima i sentimenti di sincera vicinanza non solo degli amministratori, ma dell’intero paese di San Gregorio d’Ippona a chi in questo momento vive una sofferenza così grande. Al fine di non convogliare in modo indistinto l’aiuto si è scelto quale destinatario della donazione il Comune di Amatrice (RI), uno dei centri della provincia laziale più danneggiati dal sisma, affinché lo utilizzi per la ricostruzione della scuola o di altro edificio pubblico lesionato». 

Pannia precisa che la somma verrà versata direttamente dall’Amministrazione di San Gregorio d’Ippona al Comune di Amatrice sul conto corrente istituito presso la Banca di Credito Cooperativo di Roma (IBAN: IT13W0832773470000000005050) con causale dell’iniziativa denominata “AmalAmatriceAmala”.