lunedì,Luglio 15 2024

Giustizia, Gratteri boccia le riforme di Nordio e della Cartabia: «Non migliorano nulla»

Il procuratore di Napoli entra nel dettaglio su separazione delle carriere, intercettazioni, velocizzazione dei processi e organici della magistratura

Giustizia, Gratteri boccia le riforme di Nordio e della Cartabia: «Non migliorano nulla»
Nicola Gratteri
Nicola Gratteri

Un magistrato burocrate, pavido e passacarte che perderà di vista il fine primario: fare una giustizia giusta”. Non le manda a dire il procuratore di Napoli, Nicola Gratteri, che in un’intervista a La Repubblica spiega nel dettaglio le conseguenze di tutte le leggi approvate recentemente sulla giustizia e quelle in cantiere. Lo fa a pochi giorni dalle sentenze nate dalle operazioni Rinascita Scott (Tribunale di Vibo e Corte d’Assise di Catanzaro) che riconoscono l’operatività e la pervasività dei clan del Vibonese al pari dell’operazione Petrol Mafie giunta anche questa a sentenza dinanzi al Tribunale collegiale di Vibo. “Nessuna delle norme da ultimo approvate possono essere utili a migliorare la giustizia. Le pagelle sono dannose: i magistrati si preoccuperanno più di avere le carte in ordine che di fare giustizia”, spiega Gratteri riferendosi al fascicolo di valutazione dei magistrati varato recentemente dall’esecutivo. “Queste riforme, un altro regalo alle correnti della magistratura e seguono la stessa strada della Cartabia, ci consegneranno un magistrato burocrate, pavido e passacarte che perderà di vista il fine primario: fare una giustizia giusta” Bocciata anche la riforma varata dal ministro della giustizia Carlo Nordio nel giugno scorso e che incide pure sulle misure cautelari “Pensare che una misura cautelare debba essere emessa da tre giudici o che, prima di applicarla, l’indagato debba essere preventivamente interrogato, è qualcosa che solo chi non frequenta i tribunali può ritenere utile e solo chi non conosce l’attuale stato della magistratura può ritenere praticabile”.

Separazione delle carriere e intercettazioni

Ma Gratteri boccia anche la separazione delle carriere in magistratura: “È sbagliata da tutti i punti di vista. Il cambio di funzione arricchisce professionalmente il magistrato. Si criticano spesso i pm perché si dice che non hanno la cultura della giurisdizione. Quale miglior modo, allora, se non quello di far fare al pm anche il giudice e viceversa? Bisognerebbe avere il coraggio di tornare ad agevolare il cambio funzioni, come nel resto d’Europa, dove viene incentivato. La separazione delle carriere è l’anticamera della sottoposizione del pm all’esecutivo”.
Questa invece la posizione di Gratteri sulla “stretta” riguardo le intercettazioni? Ho speso fiumi di parole per dire che non sono costose. Ci si vuole nascondere dietro questo argomento allo scopo di limitarne il più possibile l’utilizzo per i reati contro la pubblica amministrazione, ormai sempre più a braccetto con i reati di mafia”. Gratteri porta anche un esempio: “Se in un’inchiesta per mafia o traffico di stupefacenti sento parlare, in un’intercettazione, di una corruzione di milioni di euro o di un riciclaggio o di una truffa non la posso utilizzare, perché è un fatto diverso. Se emerge che un povero tossicodipendente ha rubato una bottiglia in un supermercato, anche se è un fatto diverso, sì”. Per quale motivo? “Per il furto nei supermercati – spiega il procuratore – è previsto l’arresto obbligatorio in flagranza, per la corruzione no. È un’assurdità, una giustizia forte con i deboli e debole con i forti. Le intercettazioni sono fondamentali e dovrebbero comprendere anche i messaggi scambiati attraverso strumenti informatici e telematici”.

Le riforme da fare e la bocciatura per la Cartabia

L’ex ministro Cartabia e il procuratore Gratteri

Serve riempire gli organici della magistraturaaccorpare i Tribunali di piccole dimensioni, riportare a 75 anni, o almeno a 72, l’età pensionabile, limitare il numero dei magistrati fuori ruolo e dare a magistrati in pensione incarichi che, meglio e più di altri, potrebbero svolgere. Se un ministro può avere più di 75 anni, perché i magistrati in pensione non possono essere destinati alle commissioni parlamentari o alla scuola superiore della magistratura?”. Bocciata anche la riforma varata dall’ex ministra della giustizia Marta Cartabia: “Condivido solo l’informatizzazione del processo penale – anche se ancora non funziona, nemmeno a livello sperimentale – oltre alle attività istruttorie che possono svolgersi a distanza. Per il resto, l’auspicata riduzione dei tempi non si avrà. Sono stati introdotti adempimenti che appesantiscono le procedure, anche nel processo civile. La lotta alla criminalità organizzata passa anche da qui: se un cittadino non ottiene una risposta veloce per un risarcimento danni o per la risoluzione di un contratto, si arrende oppure si rivolge alla criminalità. Entrambe le cose non vanno bene. I processi si velocizzano eliminando inutili adempimenti che nulla hanno a che vedere con le irrinunciabili garanzie. Oggi, dopo un defatigante processo di primo grado, si può fare un concordato in appello, con riduzione della pena e si rinuncia al prosieguo. Perché non farlo prima? Si potrebbe anche limitare la possibilità di appello nelle ipotesi di arresto in flagranza con ammissione degli addebiti o quando sono palesemente strumentali. Lasciamo fare le riforme a chi nei Tribunali lavora veramente”.

LEGGI ANCHE: Rinascita Scott: ecco l’attesa sentenza del Tribunale di Vibo, “pioggia” di condanne

Rinascita Scott: ecco la sentenza della Corte d’Assise per cinque omicidi nel Vibonese

Petrol Mafie: sentenza del Tribunale di Vibo per l’operazione della Dda

Rinascita Scott: 30 anni a Vibo al boss di Zungri Giuseppe Accorinti

Articoli correlati

top