martedì,Giugno 25 2024

Minacce di morte a Gratteri e a pm di Catanzaro: indagato nega paternità lettera

A procedere è la Procura di Salerno, funzionalmente competente poichè parti lese sono magistrati del capoluogo di regione calabrese

Minacce di morte a Gratteri e a pm di Catanzaro: indagato nega paternità lettera
Nicola Gratteri

Ha negato la paternità della lettera inviata dal carcere di Catanzaro contenente minacce di morte rivolte all’allora procuratore della Repubblica di Catanzaro, Nicola Gratteri, ora a Napoli con lo stesso ruolo direttivo, e ad un altro magistrato in servizio nella Procura del capoluogo calabrese, Debora Rizza, il presunto autore della missiva, Salvo Gregorio Mirarchi, di 32 anni, di Montepaone. Mirarchi, nel corso dell’interrogatorio di garanzia, assistito dal difensore di fiducia, l’avvocato Francesco Palumbo del Foro di Salerno, collegato da remoto ha risposto alle domande che gli sono state poste dal gip. All’epoca in cui è stata spedita la lettera di minacce, in cui l’autore affermava che avrebbe messo in atto i suoi propositi contro i due magistrati se non fosse stato scarcerato, Mirarchi era già detenuto nel carcere di Catanzaro con l’accusa di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti e per la detenzione illegale di una pistola. In attesa della decisione del gip di Salerno, competente per territorio, l’indagato rimarrà detenuto nel carcere di Catanzaro.

LEGGI ANCHE: Minacce di morte al procuratore Gratteri e a un pm di Catanzaro, arrestato presunto autore

Abuso d’ufficio, Nicola Gratteri: «Abolire il reato è un “liberi tutti”»

Giustizia, Gratteri boccia le riforme di Nordio e della Cartabia: «Non migliorano nulla»

top