Brattirò piange le sue figlie vittime dell’ennesimo viaggio della speranza – Video

Teresa Furchì e Caterina Costa sono morte sull’autostrada A30 di ritorno da Roma dove la giovane era in cura da tempo
Teresa Furchì e Caterina Costa sono morte sull’autostrada A30 di ritorno da Roma dove la giovane era in cura da tempo
Informazione pubblicitaria
La famiglia Costa (foto Facebook)
Informazione pubblicitaria

Una famiglia distrutta, una comunità attonita e affranta dal dolore. Brattirò di Drapia, centro di poche centinaia di anime alle pendici dell’altopiano del Poro, si è svegliato questa mattina con l’eco di una notizia difficile da credere e impossibile da accettare: Teresa e Caterina, madre e figlia, 50 e 25 anni, non ci sono più, portate via da un terribile incidente stradale sull’autostrada Caserta-Salerno. Nell’impatto è rimasto coinvolto anche il padre Antonio, per tutti Totò, in gravi condizioni in ospedale ma non in pericolo di vita. Una famiglia onesta e laboriosa, conosciuta e apprezzata da tutto il paese e che, per questo, lascia un vuoto incolmabile nelle menti di tutti, strappata alla vita dall’ennesima tragedia stradale. Forse, però, scavando a fondo nella vicenda, si arriva a una consapevolezza ancora più amara, che si materializza subito dopo aver raccolto le prime, frammentarie notizie sull’accaduto. La famiglia Costa era di ritorno da Roma, dove si recava spesso per i controlli a cui era sottoposta Caterina, da tempo in lotta con un male che negli ultimi tempi era diventato più aggressivo. [Prosegue sotto la pubblicità]

Informazione pubblicitaria
L’incidente sull’A30

Caterina e Teresa sono vittime della strada, ma, ancora una volta, per l’ennesima volta, sono anche vittime di quei viaggi della speranza a cui la Calabria si è ormai assuefatta. La spola dalla capitale era diventata un’abitudine, allo stesso modo di molti calabresi, obbligati a fuggire lontano da una terra dove i drammi della malasanità sono all’ordine del giorno, dove i diritti di base sono negati, dove fiori di professionisti operano in condizioni da ospedali da campo, dove si preferiscono sempre migliaia di chilometri e tutti i rischi a essi connessi, piuttosto che affidarsi a un settore sempre più in avaria. Una piccola frazione piange due giovani vite, ma a versare lacrime dovrebbe essere tutta una regione, tutto un Paese. Nel 2019 in Calabria si continua a morire sui letti d’ospedale. Nel 2019 in Calabria si continua a morire lungo strade lastricate di speranza ma spesso raschiate dal peso di un dolore che i suoi figli non possono più sopportare.

LEGGI ANCHE: Tragico incidente sulla Salerno-Caserta, muoiono madre e figlia di Drapia