Giallo di Spadola, il Ris di Messina nel negozio di Zangari

I carabinieri del reparto scientifico hanno passato al setaccio l’attività commerciale del 46enne amico del commercialista scomparso. Si tratta dell’uomo che sarebbe stato costretto a bere del pesticida sotto la minaccia di un’arma

I carabinieri del reparto scientifico hanno passato al setaccio l’attività commerciale del 46enne amico del commercialista scomparso. Si tratta dell’uomo che sarebbe stato costretto a bere del pesticida sotto la minaccia di un’arma

Informazione pubblicitaria
Il Ris di Messina davanti al negozio di Zangari

I carabinieri del Ris di Messina hanno effettuato un’ispezione, questa mattina a Spadola nelle Serre vibonesi, nel negozio di attrezzature agricole di proprietà di Giuseppe Zangari, 46 anni, del luogo. L’uomo, come si ricorderà, diversi giorni addietro era stato ricoverato all’ospedale di Locri in seguito ad un’intossicazione da pesticida che sarebbe stato costretto bere da due individui con il volto travisato e armati di pistola.

Costretto ad ingerire pesticida sotto la minaccia di una pistola, grave quarantaseienne di Spadola

Episodio è avvenuto all’indomani della scomparsa di Bruno Lacaria, commercialista 52enne concittadino e amico di Zangari che, peraltro, sarebbe stata anche l’ultima persona con la quale il professionista avrebbe avuto a che fare prima che di lui si perdessero definitamente le tracce mercoledì 8 febbraio.

Cinquantaduenne fa perdere le proprie tracce, apprensione a Spadola

I due, infatti, sono legati da un’amicizia di lunga data. Infruttuose le ricerche dello scomparso, estese anche al bacino della Lacina e ai boschi del circondario, mentre Zangari è stato già più volte sentito nel corso delle indagini condotte dai carabinieri di Serra San Bruno e coordinate dal pm della procura di Vibo Valentia Filomena Aliberti.

Spadola, le ricerche di Lacaria si concentrano lungo l’Ancinale e alla Lacina (VIDEO)

Ora l’attenzione degli inquirenti e del personale del reparto scientifico dei carabinieri si concentra dunque nel riscontrare la versione fornita dal commerciante, il quale, peraltro, ha riferito che l’avvelenamento sarebbe venuto in un magazzino di sua proprietà e non nel negozio passato al setaccio questa mattina.

Scomparsa Lacaria, si fa strada la pista economica. Il sindaco: «Bruno tradito dalla sua generosità» (VIDEO)

Un giallo dai contorni ancora poco chiari, quindi, ma che non si esclude possa da qui a breve registrare una decisa svolta nelle indagini.

Scomparsa Lacaria, Zangari nuovamente sentito dagli inquirenti (VIDEO)