Carattere

La donna, insegnante originaria di Nicotera, era molto conosciuta a Gioia Tauro. Ha accusato un malore che l’ha stroncata mentre i carabinieri eseguivano l’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti dell’imprenditore vicino ai Piromalli

Cronaca

Non ha retto la tensione durante le operazioni di arresto del fratello e all’improvviso si è accasciata al suolo. È morta così Mimma Comerci, sorella dell’imprenditore Nicola, arrestato nell’operazione “Provvidenza 2”, il 21 febbraio scorso.

L’uomo, infatti, ha sentito suonare al campanello in piena notte. Svegliatosi, ha trovato ad attenderlo i carabinieri che gli hanno notificato un’ordinanza di custodia cautelare in carcere con l’accusa di aver avuto rapporti illeciti con la cosca Piromalli di Gioia Tauro e di aver costruito le sue fortune imprenditoriali grazie ai soldi ed alla protezione del clan.

‘Ndrangheta: clan Piromalli, arrestato il “vibonese” Nicola Comerci

Nicola Comerci, allora, ha contattato la sorella, affinché lo aiutasse a preparare il “sacco” di vestiti e oggetti personali da portare con sé in cella. La donna, insegnante molto conosciuta a Gioia Tauro, non aveva mai vissuto un’esperienza simile. Perché non è mai facile fare i conti con le forze dell’ordine che arrivano in casa per prelevare un tuo congiunto. Fosse anche accusato dei reati più gravi. Mimma Comerci pare abbia avuto un litigio con i carabinieri. Nulla, però, che lasciasse presagire un epilogo simile. Poi, all’improvviso, il forte dolore al petto e il malore.

CONTINUA A LEGGERE SU LAC NEWS 24

Lacnews24.it
X

In evidenza

Seguici su Facebook