Violazione della sorveglianza, assolto Polito

Resta detenuto in quanto coinvolto nell’operazione “Rinascita” con l’accusa di associazione mafiosa
Resta detenuto in quanto coinvolto nell’operazione “Rinascita” con l’accusa di associazione mafiosa
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria
Domenico Polito

La Corte d’Appello di Catanzaro ha assolto Domenico Polito, 56 anni, di Tropea, difeso dagli avvocati Francesco Sabatino e Antonio Porcelli, dall’accusa di violazione della sorveglianza speciale. In primo grado a Vibo era stato condannato ad un anno. Polito rimane detenuto in quanto coinvolto nella recente operazione “Rinascita” con l’accusa di associazione mafiosa (clan La Rosa di Tropea). Nel maggio scorso era stato scarcerato dal Riesame nell’ambito dell’operazione “Errore fatale2 che mira a far luce sull’omicidio nel 2003 a Spilinga di Raffaele Fiammingo e sul ferimento del boss Francesco Mancuso, detto “Tabacco”.

Informazione pubblicitaria