‘Ndrangheta: “Costa pulita”, Comune di Briatico parte civile contro gli Accorinti e Niglia

Il primo cittadino, nonché presidente della Provincia, si astiene per “incompatibilità” dal conferimento di incarico ad un legale che affianchi la pubblica accusa. E’ indagato per corruzione elettorale

Il primo cittadino, nonché presidente della Provincia, si astiene per “incompatibilità” dal conferimento di incarico ad un legale che affianchi la pubblica accusa. E’ indagato per corruzione elettorale

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Il Comune di Briatico ha deliberato la costituzione di parte civile nel procedimento penale nato dall’operazione antimafia denominata “Costa pulita” contro il clan Accorinti. Ma anche contro il suo stesso sindaco, indagato per il reato di corruzione elettorale aggravata dalle finalità mafiose, ovvero quello di rafforzare proprio il clan Accorinti di Briatico. Situazione paradossale che ha visto infatti la giunta comunale di Briatico deliberare per la costituzione di parte civile nel procedimento penale in questione – la cui udienza preliminare è fissata dinanzi al gup distrettuale per il 10 marzo prossimo – con tutti i suoi componenti presenti tranne il sindaco Andrea Niglia che si sarebbe altrimenti trovato nell’inusuale veste di dover deliberare l’affidamento di un incarico legale allo scopo di affiancare la pubblica accusa contro se stesso. Un caso di incompatibilità, quindi, che ha visto il vicesindaco Teresa Maccarone e gli assessori Costantino Massara, Carlo Staropoli e Rosaria Garrì deliberare la costituzione di parte civile nel procedimento “Costa pulita” con il conferimento di un incarico legale all’avvocato Roberto Lascala del foro di Vibo Valentia.

Informazione pubblicitaria

‘Ndrangheta: “Costa pulita” a Vibo, 40 persone offese e politici parti civili contro se stessi

Anche l’associazione antiracket ed antiusura della Provincia di Vibo Valentia avanzerà al gup richiesta di costituzione di parte civile. A rappresentarla in giudizio l’avvocato Giovanna Fronte, vicepresidente della stessa associazione, incaricata dal presidente Elio Costa, sindaco di Vibo. Il Comune capoluogo, anche questo individuato fra le parti offese, avanzerà invece costituzione di parte civile attraverso l’avvocato Maristella Paolì. La Provincia di Vibo Valentia aveva già deliberato nei giorni scorsi la costituzione di parte civile nel procedimento “Costa pulita”.  

‘Ndrangheta: operazione “Costa Pulita” a Vibo, Dda chiede 82 rinvii a giudizio

‘Ndrangheta: operazione “Costa pulita” nel Vibonese, fissata l’udienza preliminare