‘Ndrangheta: ecco i beni sequestrati al clan dei Piscopisani – Video

Indagine della polizia che ha accertato la sproporzione dei redditi dichiarati con i beni posseduti. “Sigilli” anche al locale “Mamma non vuole” di Vibo
Indagine della polizia che ha accertato la sproporzione dei redditi dichiarati con i beni posseduti. “Sigilli” anche al locale “Mamma non vuole” di Vibo
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria
Giovanni Battaglia

Costituisce il frutto di accertamenti patrimoniali ad opera della polizia il sequestro per complessivi due milioni e mezzo di euro eseguito nei confronti di alcuni degli indagati dell’operazione “Rimpiazzo” contro il clan dei Piscopisani. Le indagini hanno permesso di riscontrare l’esistenza di una totale sproporzione tra i redditi dichiarati e i patrimoni effettivamente ricevuti. Alcuni degli indagati sono risultati titolari di beni il cui valore era totalmente sproporzionato e che si ritengono acquisiti mediante l’impiego di risorse economiche derivanti dalle attività illecite. [Continua dopo la pubblicità]

Informazione pubblicitaria

Sotto sequestro: le quote della “Ridatele sas” riconducibili a Giovanni Battaglia, 37 anni, di Piscopio, detenuto; numerosi fabbricati e terreni, nonché l’intero patrimonio aziendale della “Brogna Auto” sita a Vibo Valentia e di proprietà di Giuseppe Brogna, 62 anni, detenuto; un appartamento e diversi terreni a San Gregorio d’Ippona riconducibili a Stefano Farfaglia, 37 anni, detenuto; alcuni fabbricati, nonché l’intero patrimonio aziendale del panificio “San Pio” di Ionadi riconducibili a Nazzareno Fiorillo, 55 anni, detenuto ed indicato quale capo del “locale” di ‘ndrangheta di Piscopio;

diversi appartamenti ubicati nelle province di Vibo e Bologna intestati a Maria Concetta Fortuna, 62 anni, di Piscopio; il Baretto sito a Piscopio in piazza San Michele di proprietà di Nazzareno Galati, 31 anni, di Piscopio; il locale “Mamma non Vuole” sito a Vibo in piazza Morelli di proprietà di Benito La Bella, 32 anni, di Piscopio. Allo stesso La Bella sono stati sequestrati un’autovettura e un appartamento.