Carattere

Accorato appello di Marina Prestia Lamberti: “Lui amava i suoi amici, non li avrebbe mai traditi”

Cronaca

Un dolore troppo grande da superare, un evento troppo tragico e devastante per farsene una ragione. Non si rassegnano i familiari di Francesco Prestia Lamberti, il sedicenne ucciso nei giorni scorsi a Mileto da un amico che ha poi confessato il suo omicidio. Non accettano, soprattutto, la versione fornita dal coetaneo Alex Pititto, che ha rivelato di essere stato lui a far fuoco contro l'amico in una sera di fine maggio. Vogliono conoscere la verità e i fatti nella loro interezza, per dissipare le tante zone d'ombra che insistono ancora sulla morte del loro giovane e amato congiunto.

Omicidio Prestia a Mileto: le indagini, i possibili complici e il luogo del delitto

A farsi interprete di questo desiderio di verità è così la sorella di Francesco Prestia Lamberti, Marina, che dal suo profilo Facebook lancia un accorato appello. Affinché chi è a conoscenza dei fatti superi reticenze e paure e dia un contributo alle indagini.

"Non bastano le foto con le dediche... - scrive la sorella - per FRANCESCO, serve giustizia, serve conoscere la verità; è tutto così impensabile... quindi, a voi "AMICI", so e sapete che non sarete mai ai livelli di mio fratello, perché lui ha perso la vita proprio per questo, lui amava i suoi amici, il suo stato di whatsapp era "meglio crepare che tradire..." FRANCESCO PRESTIA LAMBERTI non avrebbe mai tradito nessuno di voi, e voi lo sapete! Quindi - l'appello finale - chiedo ad ognuno di voi di mettere una mano sulla coscienza e di DIRE TUTTO QUELLO CHE SAPETE".

Sedicenne ucciso a Mileto, più di tremila persone ai funerali di Francesco Prestia (FOTO/VIDEO)

Sedicenne ucciso a Mileto, convalidato il fermo dell'amico reo confesso (VIDEO)

Mileto si stringe alla famiglia di Francesco, commozione alla fiaccolata per il 16enne ucciso (VIDEO)

Omicidio a Mileto: il 16enne Francesco Prestia sparato anche alle spalle

Agguato a Mileto: ucciso un 16enne a colpi di pistola (VIDEO)

 

Lacnews24.it
X

Seguici su Facebook