Muore a Bologna, ibernata in Russia dall’azienda vibonese di crioconservazione

Terzo casa in Italia. Il titolare Filippo Polistena: «Le tecniche si stanno evolvendo e le richieste per il processo sono in continua crescita»

Terzo casa in Italia. Il titolare Filippo Polistena: «Le tecniche si stanno evolvendo e le richieste per il processo sono in continua crescita»

Informazione pubblicitaria
Filippo Polistena a lavoro
Informazione pubblicitaria

Il corpo di Galina Riabinina, 65enne russa scomparsa quest’estate a Bologna, verrà ibernato dalla Kriorus, società russa che, unica in Europa, offre questo genere di servizio. Stamattina nella camera ardente del cimitero di Bologna si sono concluse le operazioni sulla salma (chiusura del feretro e trasporto verso l’aeroporto), che è partita a mezzogiorno dall’aeroporto “Marconi” con destinazione Mosca, dove la donna sarà ibernata.

Informazione pubblicitaria

A occuparsi del trattamento di iniziale conservazione del corpo della Riabinina è stata l’agenzia di onoranze funebri di Filippo Polistena, sede a Mirandola (Modena) e succursale a Vibo Valentia, vettore della Kriorus per quanto riguarda l’Italia.

Quello della russa è il primo caso di richiesta di crioconservazione in Emilia-Romagna, il terzo in tutta Italia. Il costo dell’operazione s’aggira fra i 5 e i 7 mila euro (ibernazione esclusa). «Il processo di crioconservazione in Italia si sta evolvendo – spiega Polistena – e le richieste per il processo sono in continua crescita».

LEGGI ANCHE:

Ibernazione, è vibonese l’azienda leader in Europa