Non dimenticò mai le sue origini: Vibo Marina piange l’ammiraglio Michele “Lello” Piro

Dagli studi in Giurisprudenza ai vertici della Marina e quel legame mai reciso con la sua terra. “Ho sempre voglia di tornare nella mia città” il suo ultimo desiderio

Dagli studi in Giurisprudenza ai vertici della Marina e quel legame mai reciso con la sua terra. “Ho sempre voglia di tornare nella mia città” il suo ultimo desiderio

Informazione pubblicitaria
Il compianto Michele "Lello" Piro
Informazione pubblicitaria

Ho sempre voglia di tornare nella mia Vibo Marina”. È stato questo l’ultimo desiderio espresso dall’ammiraglio Michele Piro. “Lello” era nato e aveva trascorso gli anni della sua gioventù nella cittadina portuale; poi, dopo la laurea in Giurisprudenza, aveva intrapreso la carriera militare che lo aveva portato ai vertici dell’amministrazione della Marina ricoprendo incarichi sempre più importanti.

Informazione pubblicitaria

Ma, pur vivendo a La Spezia per motivi legati al servizio, aveva mantenuto un fortissimo legame con la sua terra d’origine dove, immancabilmente, ogni anno ritornava per trascorrere il periodo estivo. Studioso di diritto della navigazione, era stato autore di numerose pubblicazioni di carattere giuridico e, negli ultimi anni, aveva collaborato assiduamente con il periodico “Monteleone”, diretto dal compianto Felice Muscaglione, con articoli di storia e società.

Le spoglie dell’ammiraglio Piro sono arrivate dalla Spezia oggi, 2 dicembre, nel santuario “Stella maris” di Vibo Marina per ricevere le onoranze religiose e per raccogliere l’ultimo saluto dei suoi concittadini per essere poi trasportate a Vibo Valentia per la tumulazione.