Operazione Tauros, Cassazione annulla per imprenditore di San Calogero

Sarà necessario un nuovo esame del Tribunale del Riesame di Venezia per un 43enne trapiantato nel Veronese
Sarà necessario un nuovo esame del Tribunale del Riesame di Venezia per un 43enne trapiantato nel Veronese
Informazione pubblicitaria
La Corte di Cassazione

La seconda sezione penale della Corte di Cassazione ha disposto l’annullamento con rinvio dell’ordinanza emessa dal Tribunale del Riesame di Venezia a carico di Francesco Vallone, 43 anni, imprenditore di San Calogero molto affermato nel veronese, difeso dagli avvocati Giovanni Vecchio e Bruno Vallelunga. Francesco Vallone era stato attinto da ordinanza di custodia cautelare nell’operazione “Tauros”, condotta dalla Dda di Venezia.
L’indagine ha permesso di svelare l’esistenza di un sodalizio, appartenente alla ‘ndrangheta, costituito dalle famiglie Gerace, Albanese, Napoli e Versace, avente – come si legge nell’ordinanza emessa dal gip di Venezia – base operativa nella provincia di Verona e basato “su regole e cariche proprie del Crimini di Polsi”. [Continua in basso]

Le operazioni investigative, condotte dai carabinieri del Ros di Padova, hanno condotto all’arresto di 33 persone, mentre l’avviso di conclusione delle indagini preliminari risulta imponente: oltre ottanta indagati per più di cento capi d’imputazione. Tra le accuse di cui, a vario tutolo devono rispondere gli indagati spicca la contestazione di associazione mafiosa, cui si aggiungono venticinque casi di estorsioni, tredici episodi di riciclaggio di danaro sporco, otto storie di usura, una decina di furti ed emergono tre gruppi di indagati impegnati nello spaccio di droga. Francesco Vallone è indagato per tre episodi di riciclaggio – connesse a fatturazioni per operazioni inesistenti che sarebbero avvenute attraverso un noto centro studi a lui riconducibile – ritenuti aggravati in quanto connessi al fine di agevolare la cosca Grande Aracri di Cutro, sodalizio mafioso ben conosciuto anche dalle Procure antimafia di Bologna (operazione “Aemilia”) e Venezia (operazione “Isola scaligera”). La Corte di Cassazione, tuttavia, accogliendo i rilievi difensivi ha annullato il provvedimento custodiale, disponendo un nuovo giudizio da parte del Tribunale del Riesame di Venezia.

Da ricordare che per Francesco Vallone si tratta del secondo pronunciamento favorevole della Suprema Corte nel giro di poche settimane. Risale al mese di ottobre, infatti, un altro annullamento della Cassazione nell’ambito del procedimento denominato “Isola scaligera” (in cui Vallone è difeso sempre dagli avvocati Giovanni Vecchio e Bruno Vallelunga), nel quale lo stesso è accusato di partecipazione mafiosa con riferimento a un “locale” di ‘ndrangheta, attivo nella provincia di Verona e collegato alla cosca degli “Arena-Nicoscia” di Isola Capo Rizzuto. Nell’operazione “Isola scaligera” è indagato, con l’accusato di peculato, anche Flavio Tosi, già sindaco della città di Verona e noto esponente politico. Entrambe le operazioni antimafia hanno avuto grande risonanza mediatica perché si è accertata una diffusa infiltrazione della ‘ndrangheta nel Veneto e perché vi è stato il coinvolgimento di politici, imprenditori molto noti e affermati professionisti. Per l’imprenditore Francesco Vallone, tuttavia, si sono registrati, in entrambi i procedimenti, delle sentenze di annullamento della Corte di Cassazione.

LEGGI ANCHE: Cattura del latitante a Vibo, l’applauso dei familiari ed il silenzio della politica locale

Operazione “Isola Scaligera”: Cassazione annulla associazione mafiosa per un vibonese