Dimissioni a raffica alla Fondazione di Natuzza e sullo sfondo lo “spettro” della liquidazione (VIDEO)

Dopo il presidente Colloca lasciano altri cinque membri. La commissione conciliatrice, nel frattempo, rinnova il suo sostegno al vescovo Luigi Renzo 

Dopo il presidente Colloca lasciano altri cinque membri. La commissione conciliatrice, nel frattempo, rinnova il suo sostegno al vescovo Luigi Renzo 

Informazione pubblicitaria
La Villa della gioia a Paravati
Informazione pubblicitaria

Non fanno presagire nulla di buono le recenti dimissioni interne al Consiglio d’amministrazione della FondazioneCuore Immacolato di Maria Rifugio delle Anime” di Paravati. Nel giro di pochi giorni, a lasciare sono stati il presidente Marcello Colloca, Domenico Antonio Crupi e Mario Cortese, ma anche i tre componenti del collegio dei revisori

Informazione pubblicitaria

In particolare, il passo indietro dei tre membri del direttivo fa chiaramente intendere che all’interno dell’Ente, nato su input di Natuzza Evolo per la realizzazione della “Villa della Gioia”, continuano a prevalere i “falchi”, coloro che sin dall’inizio, in sintonia con lo zoccolo duro (laico e non), hanno posto ostacoli alle riforme dello statuto richieste dal vescovo della diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea Luigi Renzo in vista della consacrazione della “Grande chiesa”. Sia Colloca (subentrato alla presidenza a don Pasquale Barone, costretto insieme al tesoriere padre Michele Cordiano a dimettersi dal vescovo all’indomani del voto contrario dell’assemblea dei soci fondatori), sia Crupi e Cortese, infatti, si erano spesi sin dall’inizio per cercare di dirimere la questione e di salvare il salvabile. 

Il prossimo 20 gennaio l’assemblea dei soci fondatori sarà chiamata a cercare di ricomporre i cocci di quel che è rimasto in seno al direttivo dall’inizio dello scontro tra Diocesi e Fondazione a oggi. Nello specifico, ad eleggere ben 7 membri su 10, visto che oltre alle dimissioni dei 5 già menzionati bisogna aggiungere quelle precedenti dello stesso monsignor Renzo e dell’ex parroco di Paravati don Francesco Sicari. Nelle ultime ore, nel frattempo, la commissione nominata dalla Conferenza episcopale calabra per aiutare a ricomporre ecclesiasticamente il cammino dell’Ente, composta dai vescovi Salvatore Nunnari, Francesco Oliva e Leonardo Bonanno, ha rinnovato pieno sostegno al titolare della Cattedra miletese. 

La Chiesa, dunque, rimane ferma sulla richiesta di riforma dello Statuto, pur nella convinzione che bisogna cercare di evitare soluzioni estreme. Se sino a pochi giorni fa si poteva parlare di fase di stallo, dopo gli ultimi avvenimenti non si sbaglia a dire che la situazione sta precipitando. Sullo sfondo rimane il popolo dei devoti della mistica sparso per il mondo, i figli naturali, pronti a trasferire la salma di “Mamma Natuzza” dalla cappella della Casa per anziani “Monsignor Pasquale Colloca” al locale cimitero qualora non si arrivasse a una soluzione celere della vicenda, la possibilità che monsignor Renzo decida di procedere definitivamente alla revoca del decreto di religione e di culto alla Fondazione e, viste le scadenze economiche per la costruzione della “Villa della Gioia” a cui ottemperare, lo spauracchio della messa in liquidazione dello stesso Ente morale

LEGGI ANCHE:

Fondazione di Natuzza Evolo, l’addio polemico di Colloca: «C’è una regia occulta» (VIDEO)

Scontro diocesi-Fondazione Natuzza, tanti i chiari messaggi arrivati domenica

Fondazione di Natuzza: in migliaia a Paravati per l’anniversario dell’arrivo della statua della Vergine (VIDEO)

Scontro Diocesi-Fondazione Natuzza, il vescovo autorizza la messa nella Casa per anziani