giovedì,Maggio 6 2021

Maria Chindamo e il brutale omicidio secondo un pentito, il fratello: «Siamo distrutti»

Sconvolti i familiari dell’imprenditrice di Laureana rapita il 6 maggio 2016 a Limbadi dopo le dichiarazioni di un collaboratore lucano che le avrebbe apprese da Emanuele Mancuso

Maria Chindamo e il brutale omicidio secondo un pentito, il fratello: «Siamo distrutti»
Maria Chindamo

Avere appreso da un pentito che mia sorella sarebbe andata incontro ad una sorte così agghiacciante è una pugnalata al cuore. Se solo penso al volto di Maria, così solare e sorridente, macinato da un trattore – ha dichiarato all’Ansa Vincenzo Chindamo – mi manca l’aria e mi si gela il sangue. Mia madre ieri ha avuto una reazione molto forte. L’interessamento a quel terreno potrebbe anche esserci stato, ma che questo possa rappresentare l’unico movente dell’omicidio mi sembra improbabile. Tutta quella recrudescenza ci ha sconvolto. Queste cose non si verificano dopo una semplice richiesta di vendita di un terreno, senza avvertimenti importanti. Dovevano esserci campanelli di allarme che dubito ci siano stati”. Dopo le dichiarazioni del collaboratore di giustizia Antonio Cossidente – di cui in anteprima aveva dato conto la nostra testata – il quale ha riferito di aver appreso alcuni particolari sulla fine di Maria Chindamo (rapita il 6 maggio 2016 e che sarebbe stata uccisa brutalmente) dal collaboratore Emanuele Mancuso, il fratello di Maria spiega che la sorella se “avesse ricevuto intimidazioni ne sarebbe rimasta scossa e turbata. Benché l’attività dei collaboratori sia rilevante nelle strategie investigative, a volte le deposizioni non sono proprio lineari e adamantine. Certo in molte cose il riscontro si trova, ma vanno esaminate a fondo. Noi stiamo ancora cercando un epilogo alla storia di Maria e con l’eventuale morte dobbiamo ancora fare i conti. La notizia secondo cui sarebbe stata sbranata dai maiali, ci ha distrutto”.

LEGGI ANCHE: Maria Chindamo, i verbali inediti del collaboratore Cossidente e la scomparsa per i terreni

Centro di ascolto e antiviolenza intitolato a Maria Chindamo

top