“Rompiamo il muro del silenzio”, concorso di idee per ricordare Francesco Prestia Lamberti

Il sindacato dei lavoratori della conoscenza, la Flc-Cgil, unitamente alla Cgil territoriale si rivolge agli studenti delle scuole di primo e secondo grado della provincia

Il sindacato dei lavoratori della conoscenza, la Flc-Cgil, unitamente alla Cgil territoriale si rivolge agli studenti delle scuole di primo e secondo grado della provincia

Informazione pubblicitaria
Francesco Prestia Lamberti
Informazione pubblicitaria

Memoria e bene comune. Memoria come “esercizio di civiltà e convivenza in un mondo in cui vivere da cittadini”: è con le parole prese in prestito da don Luigi Ciotti, che il sindacato dei lavoratori della conoscenza, la Flc-Cgil di Vibo Valentia, unitamente alla Cgil territoriale, ha inteso bandire un “Rompiamo il muro del silenzio” rivolto agli studenti delle scuole di primo e secondo grado della provincia, per ricordare il giovane di Mileto, Francesco Prestia Lamberti

Informazione pubblicitaria

“Rompiamo il muro del silenzio”: questo il significativo titolo del bando che si pone quale fine primo il consolidamento nei giovani di una nuova coscienza democratica proiettata alla lotta della cultura mafiosa, dell’illegalità e dei fenomeni territoriali di criminalità e degrado ambientale. 

«Il bando ci aiuta a tenere viva la memoria di ragazzi e ragazze, giovani vittime della barbarie umana, la barbarie dei mafiosi o da parte di persone “comuni” e apparentemente “normali” – spiegano Teresa Procopio, responsabile della categoria Flc-Cgil, e Luigino Denardo, segretario generale della Cgil di Vibo Valentia -. Esiste un legame forte che già ci unisce, al di là di ogni divisione: è la fede, la speranza che qualcosa possa cambiare per vincere l’indifferenza e l’assopimento di fronte a così tanta violenza. Più volte ci siamo chiesti nel nostro piccolo, oltre a quello che proviamo a fare, quanto altro è possibile ancora impegnare come Cgil e come Flc-Cgil per tenere alta l’attenzione su questi fenomeni criminosi e prendere le giuste distanze, nonché fornire qualche strumento per contrastare e arginare questi delitti contro la persona e le cose. Noi rispondiamo alla violenza e sopraffazione con la cultura e la formazione. Siamo giunti alla conclusione che serve comunque fare, iniziando da semplici e piccoli gesti». 

Questa iniziativa sarà presentata alle scuole venerdì 2 febbraio, alle ore 10, proprio a Mileto, presso la sala conferenze “Monsignor De Chiara”. Nell’occasione, il bando verrà spiegato più nel dettaglio alle scolaresche. All’idea del sindacato vibonese, che attraverso il bando ha messo a disposizione degli studenti una somma complessiva di mille euro, si sono associate anche Libera, il Cantiere musicale internazionale, l’Avis di Mileto e l’Asd Real Mileto, la squadra di calcio in cui militava Francesco Prestia Lamberti.

LEGGI ANCHE:

Francesco Prestia Lamberti “vittima di mafia”, Libera inserisce il 15enne di Mileto nell’elenco (VIDEO)

Francesco Prestia Lamberti, nuova straziante richiesta di verità (VIDEO)

Francesco Prestia Lamberti, parla mamma Marzia: «Dal quel giorno la mia famiglia non vive più»

Omicidio Francesco Prestia Lamberti, Mileto si mobilità e chiede giustizia e verità