La “strada del ponticello” a Vibo Marina impraticabile: l’ironia corre sul web

Asfalto colabrodo nello stretto sottopassaggio ferroviario che congiunge via Stazione con il centro urbano. Quando si dice: “Qui non abbiamo neanche la strada per camminare”

Asfalto colabrodo nello stretto sottopassaggio ferroviario che congiunge via Stazione con il centro urbano. Quando si dice: “Qui non abbiamo neanche la strada per camminare”

Informazione pubblicitaria
La strada del Ponticello di Vibo Marina
Informazione pubblicitaria

Esiste una pregnante espressione dialettale che, metaforicamente, serve a descrivere una persona che sia arrivata a toccare il fondo dell’indigenza e della miserabilità: “non ha neanche la strada per camminare”. 

Informazione pubblicitaria

E la possibilità di poter usufruire di una strada per camminare, integra e asfaltata, questa volta non in senso figurato ma reale, è proprio quello che i cittadini stanno in questi giorni chiedendo all’Amministrazione postando, in maniera molto  esplicita, i loro commenti sul principale gruppo social di Vibo Marina, dai quali traspare amarezza, frustrazione, ironia e disappunto per la situazione delle strade e, in particolare, per quella che congiunge via Stazione con il centro della cittadina portuale, zona in cui gravitano scuole, banca, servizi sanitari, esercizi commerciali. 

Da troppo tempo, lamentano i cittadini, questa strada presenta un manto in condizioni pietose e costituisce un evidente pericolo per l’incolumità delle persone oltre a essere causa di potenziali danni per gli autoveicoli. 

E viene sottolineato come la strada in questione rappresenti, fra l’altro, un’inadeguata e anacronistica porta d’accesso all’agglomerato urbano e all’infrastruttura portuale in quanto si tratta di un sottopasso ferroviario risalente ad oltre un secolo addietro. 

“Non si può certo dire – si legge in qualche amaro commento – che da queste parti il progresso abbia fatto passi da gigante”.

LEGGI ANCHE:

Degrado a Vibo | Viaggio sulle strade colabrodo della città tra imprecazioni e ironia (FOTO)