Stage in Umbria per 31 studenti di Filadelfia: quando la scuola incontra il mondo del lavoro

Gli allievi dell’Ipsia hanno trascorso due settimane in provincia di Perugia partecipando a corsi in diverse aziende all’avanguardia nell’uso delle nuove tecniche di produzione

Gli allievi dell’Ipsia hanno trascorso due settimane in provincia di Perugia partecipando a corsi in diverse aziende all’avanguardia nell’uso delle nuove tecniche di produzione

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Si chiude all’insegna dei risultati in materia di alternanza scuola-lavoro, l’anno scolastico dell’Ipsia di Filadelfia. Nel corso del mese di aprile, infatti, 31 allievi del triennio hanno intrapreso un’esperienza di due settimane di stage aziendale in modalità intensiva in Umbria

Informazione pubblicitaria

Il progetto, finanziato con fondi europei finalizzati proprio all’acquisizione di competenze professionali nell’ambito dei diversi percorsi di studio, ha potuto contare sul supporto dei professori Leandro La Marca, Vito Stucci e Silvana Cortese, che hanno accompagnato gli allievi.

Lo stage si è tenuto a Città di Castello, in provincia di Perugia, sede di soggiorno degli studenti, che quotidianamente si trasferivano a San Giustino per raggiungere le aziende-partner.

I ragazzi, distribuiti a piccoli gruppi nelle ditte, hanno potuto così conoscere meglio il mondo lavorativo e confrontarsi con realtà aziendali altamente qualificate. Nel loro percorso formativo sono stati seguiti da un tutor Aziendale, l’ingegnere Paolo Checcaglini, che ha tenuto il corso propedeutico preparando gli studenti all’ingresso vero e proprio in azienda. Oltre alle fasi lavorative previste nello stage, sono state effettuate anche visite collettive in altre aziende al fine di comprendere anche il carattere organizzativo e gestionale della produzione.

Non sono mancati momenti di relax concentrati nei weekend, con escursioni a Firenze e Perugia, che hanno arricchito ulteriormente l’esperienza.

«Il nostro obiettivo – ha dichiarato la dirigente scolastica Maria Viscone – è aumentare concretamente le opportunità di inserimento lavorativo di questi allievi, portandoli a conoscenza delle realtà più all’avanguardia nell’automazione, nella meccatronica e nella robotica».

Insomma, a quanto pare «le polemiche relative alla qualità dell’alternanza scuola lavoro – si legge in una nota – non riguardano l’Istituto professionale Ipsia di Filadelfia dove da anni si svolgono esperienze di eccellenza».