Diritti umani, giovedì in città il viceministro Nencini

Prenderà parte al convegno “Diritti umani e crimini” promosso da Comune, Istituto di criminologia, Capitaneria di porto e Guardia costiera. L’appuntamento alle 9.30 al Valentianum.

Prenderà parte al convegno “Diritti umani e crimini” promosso da Comune, Istituto di criminologia, Capitaneria di porto e Guardia costiera. L’appuntamento alle 9.30 al Valentianum.

Informazione pubblicitaria
Il viceministro Nencini
Informazione pubblicitaria

Il viceministro Riccardo Nencini, giovedì 14 gennaio sarà a Vibo Valentia. Motivo della visita la partecipazione al convegno “Diritti umani e crimini” organizzato dal Comune di Vibo Valentia in collaborazione con l’Istituto di criminologia, la Capitaneria di porto e la Guardia costiera.

Informazione pubblicitaria

L’iniziativa, che si terrà al Valentianum di piazza San Leoluca, nell’aula “Scrigno di vetro”, inizierà dalle ore 9.30 con i saluti istituzionali del sindaco Elio Costa e con i successivi interventi di Saverio Fortunato, presidente dell’Istituto di criminologia e specialista in criminologia clinica, il procuratore della Repubblica di Massa Carrara, Aldo Giubilaro, il colonnello dell’Arma dei Carabinieri Giuseppe Romeo ed il comandante della Capitaneria di Porto Antonio Lo Giudice.

A chiudere proprio il viceministro alle Infrastrutture e trasporti Riccardo Nencini, che, oltre all’attività politica, è storico nonché scrittore di saggi e di romanzi storici. «Un tema, quello dei diritti umani – si legge in una nota -, che il sindaco Elio Costa e tutta l’amministrazione comunale tiene a cuore invitando alla partecipazione le istituzioni, la cittadinanza, dai giovani alle parti sociali, dal mondo della scuola a della cultura in genere, che per primi hanno il ruolo e la responsabilità di portare il tema della tutela e la promozione dei diritti umani in una costante attività, atta a far prendere coscienza a ciascuno della propria dignità di essere umano, portatore, come tale, di diritti nel favorire la crescita e lo sviluppo di conoscenze, abilità e attitudini coerenti con i principi riconosciuti a livello internazionale in materia di diritti umani».