mercoledì,Giugno 16 2021

Riprende da Briatico “Pellicole scomode” versione on the road

Nuovo appuntamento con il cineforum di Libera che proporrà proiezioni in tutta la provincia sulle tematiche della lotta alla mafia e della cittadinanza attiva. Si parte con “Il sangue verde” di Segre.

Riprende da Briatico “Pellicole scomode” versione on the road

Sulla scia del successo del cineforum Pellicole Scomode, ciclo di proiezioni di film tenutosi presso il Sistema Bibliotecario di Vibo Valentia (Palazzo Santa Chiara) durante l’ inverno scorso, il Coordinamento provinciale Libera Vibo ha deciso di proseguire con l’opera di sensibilizzazione anche durante la primavera, vestendo di nuova pelle Pellicole scomode e rendendo itinerante l’ iniziativa.

Nasce così Pellicole scomode #OnTheRoad che intende percorrere tutto il territorio provinciale promuovendo attività di formazione antimafia e di cittadinanza attiva. Il primo appuntamento è a Briatico, sabato 7 maggio alle ore 17.30 presso l’Istituto Anap, con la proiezione del docufilm “Il sangue verde” e per discutere di immigrazione, accoglienza, caporalato col sociologo Carlo Colloca dell’Università degli Studi di Catania e consulente della Commissione Parlamentare d’inchiesta sui sistemi d’accoglienza dei migranti

“Il sangue verde” è un film del 2010 diretto da Andrea Segre, patrocinato dalla Sezione italiana di Amnesty International e presentato alla 67ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia nelle Giornate degli Autori. Girato tra Rosarno, Caserta e Roma, il film propone un resoconto degli eventi e degli atti di violenza avvenuti a Rosarno nel gennaio 2010.

La pellicola ricostruisce i fatti di quei giorni e di quelli che seguirono raccogliendo le voci di alcuni migranti che hanno vissuto gli scontri in prima persona. Tutti raccontano, dal loro punto di vista, cosa è successo in questi giorni e dal loro punto di vista e descrivono com’era, e com’è ora, la loro vita in Italia. All’iniziativa prenderà parte Mimmo Nasone della segreteria nazionale di Libera.

Articoli correlati

top