“Vibo in scena”, una passeggiata alla scoperta del centro storico

Dalle chiese ai palazzi nobiliari, dai monumenti alle strade dell’antica Monteleone, l’evento organizzato dal Comune in programma il 20 agosto

Dalle chiese ai palazzi nobiliari, dai monumenti alle strade dell’antica Monteleone, l’evento organizzato dal Comune in programma il 20 agosto

Informazione pubblicitaria
La porta di Conte d'Apice

Una passeggiata alla scoperta di tesori e bellezze che abbiamo sotto gli occhi tutti i giorni, ma che, tutti i giorni, frettolosamente, non abbiamo il tempo di ammirare perché presi dalla routine quotidiana. È questo lo scopo di “Vibo in scena”, progetto ideato dal Comune di Vibo Valentia sotto la direzione artistica di Maria Teresa Marzano, in programma il 20 agosto, quando il direttore del Sbv Gilberto Floriani e l’archeologa Maria D’Andrea accompagneranno i visitatori interessati in una camminata alla scoperta delle bellezze del centro storico di Vibo Valentia. Le chiese, i palazzi nobiliari ed i monumenti storici di cui la città è disseminata, dimostrano come Vibo, fino al 1928 Monteleone, sia la protagonista assoluta di una storia millenaria celata e occultata tra antiche dimore, vicoli e cortili tappezzati spesso di vecchie epigrafi e decorazioni architettoniche reimpiegate. 

La partenza è prevista alle ore 18.30 partendo dalla Chiesa del Rosario, ed ha lo scopo di farci alzare lo sguardo verso qualcosa che magari osserviamo distrattamente ma non conosciamo a fondo e sollecitare il senso di appartenenza alla comunità. Sarà quindi un excursus tra identità e memoria, passeggiando  tra i frammenti della città che spesso appaiono indecifrabili, con passione civile, cercando così di contribuire a migliorare il rapporto identitario tra città e cittadini, rendendo famigliari i contesti urbani e le sue antichità. Durante la passeggiata, che seguirà un percorso che privilegerà i luoghi che hanno tante storie da raccontare, verranno anche letti alcuni brani della tradizione letteraria vibonese selezionati appositamente dai ragazzi del laboratorio teatrale del Liceo Classico “Morelli” di Vibo Valentia.