domenica,Aprile 18 2021

Applausi a scena aperta per il concerto inaugurale dell’anno accademico del “Torrefranca”

L’orchestra sinfonica del Conservatorio vibonese dà vita ad una “serata d’altri tempi” esibendosi nell’auditorium “Spirito Santo”. Consensi per il solista Diego Cambareri che incanta il pubblico con la sua chitarra

Applausi a scena aperta per il concerto inaugurale dell’anno accademico del “Torrefranca”

In occasione del concerto d’apertura dell’Anno accademico del Conservatorio “Fausto Torrefranca” di Vibo Valentia, un’“atmosfera d’altri tempi” si è venuta a creare nell’auditorium vibonese dello “Spirito Santo”: i circa sessanta orchestrali che, a fatica hanno guadagnato il palco in mezzo alla folla che gremiva l’ex chiesa, hanno dato esecuzione ad un ricco e suggestivo repertorio.

Una proposta, quella presentata venerdì scorso, che ha spaziato da “L’italiana in Algeri” di Gioacchino Rossini al “Concerto di Aranujez per chitarra e orchestra” nei tre tempi di allegro con spirito, adagio, allegro gentile, mai eseguito prima a Vibo Valentia, e, per finire, con la “Quinta sinfonia in Do minore op. 67” di Beethoven.

Il tutto è avvenuto nel “religioso silenzio” dell’auditorium che, come detto, risultava gremito in ogni ordine di posto. Una “magia” confezionata dall’orchestra sinfonica del “Torrefranca”, voluta dal direttore del conservatorio Francesco Pollice.

Gli orchestrali sono esclusivamente docenti, tutor e allievi selezionati con audizioni fra i migliori dell’istituto. Pollice, in ogni modo, sta valorizzando il conservatorio della città e i suoi molti talenti. Come nel caso dell’apprezzato chitarrista 19enne Diego Cambareri, solista della serata nel “Concerto di Aranujez”, magistralmente eseguito creando nel famoso “adagio” un’atmosfera sognate e toccando le classiche “corde dell’anima”.

Talento e passione, ecco il “Maradona della chitarra”

A dirigere l’orchestra in questa apprezzata manifestazione è stato Michele Santorsola, professionista di chiara fama che ha guidato prestigiose orchestre nazionali ed estere strappando unanime consenso di pubblico e critica.

top