Ad Acri i bassorilievi dell’artista Tonino Gaudioso

I partecipanti della permanente d’Arte premiati con l’opera realizzata dallo scultore di Zungri
I partecipanti della permanente d’Arte premiati con l’opera realizzata dallo scultore di Zungri
Informazione pubblicitaria
Lo scultore Gaudioso insieme al critico d'arte Pugliese e il bassorilievo con lo stemma di Acri
Informazione pubblicitaria

Più di cento bassorilievi realizzati dall’artista di Zungri, Tonino Gaudioso, sono stati consegnati ad altrettanti artisti in occasione della prima permanente dell’Arte contemporanea andata in scena ad Acri. Attraverso l’opera del noto professionista vibonese, infatti, sono stati omaggiati pittori, fotografi e scultori provenienti da più parti d’Italia. Una manifestazione di successo quella concretizzata nel centro cosentino che ha permesso di riunire, in un unico evento, le opere più significative degli artisti aderenti.

A contribuire alla riuscita della kermesse dedicata all’Arte in tutte le sue forme, anche la suggestiva location ospitante: il palazzo Falcone e dei principi Sanseverino da Bisignano, sito nella città di Acri e realizzato nel XV secolo dal principe Leopoldo Sanseverino.

La mostra, ideata dal critico d’arte Gianfranco Pugliese e autorizzata dagli storici dell’arte Giuseppe Giglio, Gianluca Covelli, Alessandra Carelli, ha riscosso un buon successo di pubblico.

Le targhe, riproducenti lo storico stemma del comune di Acri, sono state assegnate nel clou della manifestazione e sono state particolarmente apprezzate. Tra le presenze, anche il principe Angelo Falcone dei Sanseverino, il sindaco Pino Capalbo, e l’ assessore alla Cultura Mario Bonacci. L’allestimento, fanno presente i promotori, non sarà stabile all’ interno del palazzo ospitante. Tutt’altro. L’idea è quella di fare tappa in più località. Prossimo appuntamento con l’ambizioso progetto culturale, palazzo Sersale di Cerisano, sempre in provincia di Cosenza.

Informazione pubblicitaria