giovedì,Luglio 29 2021

“Tra terra e cielu”: lo struggente brano di Antonio Cocciolo dedicato al nonno scomparso – Video

Il video del giovane e talentuoso artista di Paravati girato all’interno della Villa della Gioia. La canzone diventa l’ideale manifesto per tanti nipoti che hanno perso i loro nonni per colpa del coronavirus

“Tra terra e cielu”: lo struggente brano di Antonio Cocciolo dedicato al nonno scomparso – Video
Il musicista e cantautore Antonio Cocciolo

Il Covid-19, in Italia, ha spazzato via in un baleno migliaia di persone della terza età, cancellando gran parte della nostra memoria storica. Nonnini avanti negli anni che, in virtù delle loro debolezze fisiche, son diventati meta privilegiata di un virus subdolo e altamente infettivo, che nel giro di poche settimane ha provocato centinaia di migliaia di morti e messo in discussione i modi di vivere dell’intera popolazione mondiale.

In uno scenario del genere e in piena emergenza coronavirus, si inserisce l’opera prima del bravo musicista e cantautore calabrese Antonio Cocciolo, dal significativo titolo “Tra terra e cielu”. La canzone dialettale, infatti, è dedicata dal 27enne artista al nonno morto poco tempo fa, persona cara che ha rivestito grande importanza nel suo percorso di vita.

Un inno d’amore al proprio avo, che in epoca di Covid-19 – sebbene il congiunto sia deceduto per altre cause – diventa ideale “manifesto” di tanti nipoti che hanno perso inopinatamente i loro nonni per colpa della pandemia. Il video di “Tra terra e cielu” è stato girato nella splendida cornice della Villa della Gioia di Paravati, all’interno della realtà religioso-socio-assistenziale sorta negli anni grazie al carisma di Natuzza Evolo, la mistica calabrese di cui è in corso il processo di beatificazione. Il cantautore, del resto, è nativo proprio della frazione miletese. La passione per la musica e per il canto lo ha portato a calcare i palcoscenici regionali sin da piccolo, riuscendo ad aggiudicarsi diversi riconoscimenti.

Dopo gli studi di pianoforte e canto presso il Conservatorio “Torrefranca” di Vibo Valentia, si è specializzato nell’organetto calabrese. Adesso arriva la canzone etnica “Tra terra e cielu”, prodotta dalla casa discografica “Elca sound”, la stessa scuderia di cui fece parte l’indimenticato Mino Reitano. La speranza del giovane artista è di riuscire a calcare, almeno in parte, le orme del grande cantante di Fiumara.

top