Didattica a distanza, dal ministero finanziamenti per 22 scuole vibonesi

Contributi di 13mila euro cadauno destinati all’acquisto di tablet, pc e connessioni. Ecco quali istituti rientrano nella graduatoria
Contributi di 13mila euro cadauno destinati all’acquisto di tablet, pc e connessioni. Ecco quali istituti rientrano nella graduatoria
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Sono disponibili dal 28 aprile sul sito del ministero dell’Istruzione le graduatorie relative al bando Pon per l’acquisto di pc, tablet e dispositivi per la connessione internet destinati alle scuole del I ciclo, primaria e secondaria di I grado. Il bando è stato pubblicato lo scorso 17 aprile. Le domande potevano essere presentate dal 20 al 27 aprile.

Le scuole che hanno aderito sono state 4.905, pari all’87,2% dei 5.625 istituti che potevano partecipare, per un totale di finanziamenti che saranno assegnati pari a 63.679.174,05 euro. Le risorse residue non assegnate verranno riutilizzate. In particolare, il ministero sta lavorando ad avvisi specifici per le scuole del secondo ciclo e per i Centri provinciali per l’istruzione degli adulti (Cpia), sempre per le dotazioni tecnologiche. Alla Regione Calabria è stata assegnata una quota complessiva di 2.949.186,71 euro, con 227 istituti coinvolti. Ventidue le scuole vibonesi rientrate in graduatoria. Beneficeranno di un contributo di 13mila euro cadauno per un totale di 286mila euro.

«Abbiamo lavorato in tempi particolarmente rapidi perché siamo perfettamente consapevoli che le scuole hanno bisogno di queste risorse – ha dichiarato il ministro Lucia Azzolina -. I primi dati che emergono dal secondo monitoraggio sulla didattica a distanza che abbiamo concluso in questi giorni ci dicono che ci stiamo avvicinando alla copertura totale di studenti che avevano bisogno di un tablet o di un pc. Questo grazie ai fondi stanziati con il decreto Cura Italia (70 milioni erano destinati a questo scopo), alla consegna di device che si trovavano nei laboratori delle scuole e alla collaborazione degli Enti locali. Si tratta di uno straordinario lavoro fatto in sinergia nell’interesse dei ragazzi, affinché nessuno sia lasciato indietro».

Nel Vibonese, contributi sono andati all’Istituto comprensivo Primo circolo di Vibo Valentia; Istituto comprensivo D’Antona di Acquaro; Istituto comprensivo di Fabrizia; Scuola media di Filadelfia; Istituto comprensivo di Mileto; istituto comprensivo “Pagano” di Nicotera; Liceo classico Bruno Vinci di Nicotera; Istituto comprensivo Cessaniti; istituto comprensivo San Costantino; istituto comprensivo di Tropea; Istituto comprensivo “Azaria Tedeschi” di Serra San Bruno; Istituto comprensivo di Soriano; Istituto comprensivo “Garibaldi-Buccarelli” di Vibo Valentia; Direzione didattica III Circolo di Vibo Valentia; Istituto comprensivo di Sant’Onofrio; Istituto comprensivo di Ricadi; Istituto comprensivo Amerigo Vespucci di Vibo Marina; Istituto comprensivo di Pizzo; Istituto comprensivo Murmura di Vibo; Istituto comprensivo di Rombiolo; Istituto comprensivo di Vallelonga; Convitto nazionale Filangieri di Vibo.

Informazione pubblicitaria