Carattere

L’iniziativa, organizzata dal gruppo Fai Giovani di Vibo Valentia, ha visto anche l’osservazione del cielo con telescopi professionali

Cultura

Bella l’iniziativa proposta nei giorni scorsi al Parco archeologico di Mileto antica, unico di epoca medievale in Calabria, dal gruppo Fai Giovani di Vibo Valentia. Dal titolo “Stelle alla corte di Ruggero – Un viaggio tra le stelle”, l’evento è stato curato in collaborazione con l'associazione Mnemosyne guidato da Cristiana La Serra. Il modo migliore per far conoscere e rivivere il sito che sino al 1783 ha ospitato l’urbe nell’anno mille elevata da Ruggero d’Altavilla a capitale della propria contea, ma anche per permettere ai numerosi partecipanti di intraprendere una sorta di viaggio tra le stelle, con tanto di possibilità di osservazione del cielo, grazie agli strumenti messi a disposizione dagli esperti di astronomia Antonino Brosio e Annamaria La Serra.

L’iniziativa, predisposta dall’associazione “Mnemosyne”, ente gestore del Parco, ha preso il via alle 18.30 con la visita guidata nell’area in cui ancora oggi persistono i ruderi della chiesa abbaziale della Santissima Trinità e San Michele Arcangelo, fatta elevare nel 1063 dal nobile normanno, nell’ambito del processo di rilatinizzazione del Meridione d’Italia, affinché venisse utilizzata come mausoleo di famiglia. Subito dopo i partecipanti hanno potuto gustare un aperitivo all’aperto, con all’orizzonte lo splendido scenario dello Stretto di Messina e della cima dell’Etna. “Stelle alla corte di Ruggero – Un viaggio tra le stelle” si è concluso a tarda sera con “l’introduzione all’astronomia” a cura dello stesso Brosio e con la possibilità data ai partecipanti di osservare il cielo attraverso telescopi professionali messi a disposizione per l’occasione.

Seguici su Facebook