Scontro tra diocesi e Fondazione di Natuzza, la vicinanza dei vescovi calabresi a monsignor Renzo

Sostegno nell’ambito della Conferenza episcopale calabrese: «Non basta proclamare la propria adesione e comunione con la Chiesa»

Sostegno nell’ambito della Conferenza episcopale calabrese: «Non basta proclamare la propria adesione e comunione con la Chiesa»

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

«Piena solidarietà e vicinanza al vescovo di Mileto, monsignor Luigi Renzo» per i contrasti in corso tra il presule e la Fondazione intitolata alla mistica Natuzza Evolo, sono state espresse dalla Conferenza episcopale calabrese. «Non basta proclamare la propria adesione e comunione con la Chiesa – afferma la Conferenza – se poi si disobbedisce apertamente e con pubblico scandalo alle direttive canoniche del Vescovo». Il riferimento della Cec è alla celebrazione dell’assemblea dei soci della Fondazione Cuore Immacolato di Maria rifiugio delle anime che nei giorni scorsi si è celebrata a Paravati nonostante l’espresso divieto formulato dal vescovo Renzo. Una riunione che, hanno tenuto a precisare i vertici dell’organismo chiedendo contestualmente al presule ai avvalersi dell’istituto della “supplicatio“, non poteva essere rinviata stante la necessità di addivenire alla surroga dei soci dimissionari e alla nomina dei revisori dei conti in vista dell’approvazione del bilancio, la cui scadenza è fissata per il prossimo 30 aprile.

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHE:

Scontro tra diocesi e Fondazione di Natuzza: «L’assemblea non poteva essere sospesa»

Scontro Diocesi-Fondazione Natuzza: il vescovo decreta le illegittimità delle ultime riunioni