Il Comune di Vibo prova a “fare cassa”, all’asta dieci unità immobiliari

Con un’apposita delibera di Giunta si è dato il via alle procedure relative al piano triennale di alienazioni e valorizzazioni. Base d’asta complessiva 360mila euro. L’assessore Franzè: «Risultato importante»

Con un’apposita delibera di Giunta si è dato il via alle procedure relative al piano triennale di alienazioni e valorizzazioni. Base d’asta complessiva 360mila euro. L’assessore Franzè: «Risultato importante»

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Nel corso di una riunione che si è svolta nei giorni scorsi, la giunta comunale di Vibo Valentia ha licenziato una delibera che prevede la vendita all’asta di unità immobiliari di proprietà comunale. A darne notizia è l’assessore alla Pianificazione urbana sostenibile e Valorizzazione del patrimonio Katia Franzè. L’approvazione da parte dell’esecutivo di tale delibera si è resa possibile in seguito all’efficacia della Deliberazione di Consiglio avente ad oggetto “Piano di alienazioni e valorizzazioni immobiliari triennio 2018-2019-2020”, approvata dal Consiglio comunale nella seduta del 26 marzo 2018, con la quale, l’Amministrazione comunale ha programmato esattamente per il triennio 2018/2020 la vendita di immobili nella disponibilità del patrimonio comunale. 

Informazione pubblicitaria

Si tratta, pertanto, di una prima tranche di 10 lotti posti in vendita: 1) Immobile sito nella circoscrizione San Pietro; 2) e 3) n° 2 strisce di terreno in Vibo Valentia, viale delle Rose; 4) Immobile sito in Vibo Valentia in piazza Luigi Razza; 5) Residuato stradale in Vibo Marina limitrofo a via Ampollino; 6) Terreno in Vibo Valentia via Del Felice Amante (soppresso in seguito alla realizzazione di Viale Accademie Vibonesi; 7) Reliquato stradale in Vibo Marina via Roma; 8) Reliquato stradale in Vibo Marina via C. Colombo; 9) Terreno in Vena Inferiore via Roma; 10) Reliquato stradale in Vibo Valentia via Cefaly. Il prezzo a base d’asta complessivo dei beni posti in vendita ammonta a circa 360.000 euro

Gli interessati all’acquisto, fanno sapere i preposti uffici comunali, potranno visionare nel dettaglio la descrizione e il prezzo base d’asta dei singoli immobili e presso l’Ufficio patrimonio del Comune. Fra qualche giorno sul sito istituzionale dell’Ente sarà possibile visionare nel dettaglio il bando e scaricare anche il modello di domanda che consentirà di formulare un’offerta nel termine che è già stato fissato per le ore 12 del prossimo 11 luglio. A presiedere l’asta, ovvero l’apertura delle buste, sarà il dirigente dell’Ufficio patrimonio o un suo delegato. «E’ la prima volta – si legge in una nota – che dopo l’approvazione del Piano triennale di alienazione segue la stesura di un bando e l’avvio di asta pubblica per la reale vendita di beni immobili di proprietà comunale.  E ciò grazie alla tenacia e la caparbietà con la quale si è imposta l’assessore Katia Franzè, il compiacimento della quale va al di là delle normali enfasi di natura amministrativa e politica». 

Dichiara l’interessata: «Stiamo attraversando un momento complicato sotto l’aspetto economico e finanziario, per cui, tra le priorità della giunta Costa, vi è la non più rinviabile esigenza di fare cassa. Questo provvedimento approvato dalla giunta comunale quasi immediatamente dopo aver licenziato in consiglio comunale il piano di alienazione per il triennio 2018/2020, è la chiara dimostrazione che stiamo profondendo il massimo impegno nel tentativo di invertire la tendenza e ripristinare una situazione favorevole per la città ed i suoi abitanti. Esprimo la mia soddisfazione perché questa iniziativa costituisce anche una risposta alle svariate richieste della popolazione – ha concluso l’assessore Franzè – per cui sento il dovere di ringraziare sentitamente i funzionari e il dirigente dell’Ufficio patrimonio Filippo Nesci che con grande responsabilità e competenza hanno consentito di avviare celermente un processo che indubbiamente si rivelerà come di vitale importanza per l’Amministrazione comunale e l’intera comunità».

Soddisfazione è stata espressa anche dal capogruppo di Lista popolare, Gregorio Polistina, il quale ha dichiarato: «Questo risultato è enorme se penso essere stato raggiunto in tempi così brevi e con le ridotte disponibilità di organico nel settore di competenza. Si tratta di una prima applicazione del Piano che abbiamo approvato in Consiglio. Mentre plaudo al progetto – sottolinea Polistina – mi preme evidenziare che mi sto prodigando affinché la ripartizione Urbanistica e valorizzazione del territorio venga potenziata di alcune unità lavorative per meglio e più tranquillamente operare nel prossimo futuro».