Venduto all’asta per la terza volta: si riaccendono le speranze per il 501 Hotel

 La storica struttura ricettiva, un tempo vanto della città di Vibo Valentia, aggiudicata ad una società per 2,6 milioni di euro. Dopo due tentativi andati a vuoto si spera sia la volta buona

 La storica struttura ricettiva, un tempo vanto della città di Vibo Valentia, aggiudicata ad una società per 2,6 milioni di euro. Dopo due tentativi andati a vuoto si spera sia la volta buona

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Si riaccende una fiammella di speranza per il destino del 501 Hotel di Vibo Valentia, storica struttura alberghiera del capoluogo, attualmente chiusa ed in curatela fallimentare dopo il crack della vecchia gestione due tentativi di acquisto intrapresi da due società ed entrambi andati a vuoto. L’ultimo capitolo della vicenda aveva visto l’uscita di scena nel dicembre scorso della F94, società che fa capo all’imprenditore Francesco Trimboli, che ha preferito perdere la caparra già versata di 270mila euro piuttosto che perfezionare l’acquisto con i restanti 2 milioni e 300mila euro. La stessa cosa accadde nell’aprile 2017, quando a non versare il saldo e a perdere l’anticipo fu Italiantrade, società composta da avvocati e imprenditori vibonesi, che si era aggiudicata la prima asta per l’acquisto del complesso il 15 dicembre 2016.   

Informazione pubblicitaria

Ora un’altra asta è andata a buon fine, con la società Ku Investiment Srl, l’unica a partecipare, che si è aggiudicata la struttura per 2,6 milioni di euro. A rappresentarla in tribunale l’amministratore unico, Rocco Gabriele Sabatino. Ora, la società in questione sarà chiamata a perfezionare l’acquisto entro 90 giorni, procedendo al saldo dell’intero importo. Si torna a sperare dunque per le sorti del grande complesso ricettivo che ha fatto la storia della città di Vibo Valentia, divenendo nel tempo un vero e proprio punto di riferimento sul piano turistico ma anche culturale e dello spettacolo. L’albergo, negli anni d’oro, era infatti divenuto lo scenario di manifestazioni ed eventi di caratura nazionale, dal Festival della canzone a Miss Italia, arrivando ad incarnare la mondanità di una città viva, positiva, proiettata al futuro con ottimismo. Elementi ai quali ci si richiama più volte, e con una certa nostalgia, soprattutto oggi che la maestosa struttura alle porte di Vibo appare mestamente spenta e abbandonata. Ma al di là dell’aspetto puramente “sentimentale” della vicenda vi sono aspetti più pragmatici, legati all’economia e al lavoro, e alla lunga e controversa vicenda giudiziaria seguita al fallimento. La notizia dell’acquisto della struttura, per la terza volta, interessa soprattutto quei lavoratori rimasti senza occupazione che vedono ora riaccendersi un barlume di speranza. E che sperano che questa sia finalmente la volta buona.  

LEGGI ANCHE: 501 Hotel, anche il gruppo Trimboli rinuncia all’acquisto e perde la caparra di 270mila euro

Hotel 501, parla il legale della F94: «Acquistiamo macchina funzionante e ci consegnano un rottame»

Asta a Vibo per il 501 hotel: respinto il ricorso della Italiantrade, ecco perchè

Fallimento del 501 Hotel: la Cassazione respinge il ricorso dei Mancini

Vibo Valentia, si è spento l’imprenditore Saverio Mancini