Caso “Yorkshire Nduja”, Papillo (Gal): «Tuteleremo le nostre produzioni»

Dopo l'articolo de Il Vibonese il presidente del Gruppo di azione locale si dice pronto a intraprendere azioni a sostegno dei produttori «per evitare plagi e sofisticazioni del prodotto»

Dopo l'articolo de Il Vibonese il presidente del Gruppo di azione locale si dice pronto a intraprendere azioni a sostegno dei produttori «per evitare plagi e sofisticazioni del prodotto»

Informazione pubblicitaria
Vitaliano Papillo (Gal)
Vitaliano Papillo
Informazione pubblicitaria

«La ‘nduja è un’eccellenza di Spilinga e della Calabria tutta ed è assurdo come chiunque possa decidere di produrre ciò che vuole, dove vuole e, soprattutto, nel modo che dice lui». È quanto riferisce in un intervento Vitaliano Papillo, presidente del Gal Terre vibonesi, in relazione alla notizia, pubblicata dal nostro sito, dell’azienda inglese che produce e commercializza la “Yorkshire Nduja”, realizzando un prodotto simile a quello tipico spilingese ricorrendo anche all’utilizzo di pepe di Cayenna. «Come presidente del Gal – spiega Papillo – mi impegnerò in prima linea, con lo staff e il Consiglio d’amministrazione ed a fianco dei produttori del Consorzio, a garantire che i nostri prodotti abbiano tutte le tutele necessarie ad impedire qualsiasi forma di plagio o sofisticazione. La ‘nduja è parte della nostra identità e come tale necessita di essere tutelata e preservata con tutti i mezzi leciti».

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHEMentre a Spilinga si discute, gli inglesi si “mangiano” la ‘nduja