Certificazione di qualità nell’agroalimentare, a Porto Salvo il seminario di Coldiretti

L’iniziativa voluta per incentivare e consolidare un aspetto sempre più centrale nelle produzioni nonché un indubbio valore aggiunto per le aziende sul mercato 

L’iniziativa voluta per incentivare e consolidare un aspetto sempre più centrale nelle produzioni nonché un indubbio valore aggiunto per le aziende sul mercato 

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

La certificazione di processo e di prodotto è sempre più centrale nell’agroalimentare, garantisce il “Made in Italy” di tutta la filiera e le prerogative che ne derivano. Per incentivare e consolidare questo che rappresenta sul mercato un indubbio valore aggiunto per le aziende, si svolgerà domani, martedì 9 luglio dalle ore 10, nella Sala Convegni Cof-Ortomania Spa nella zona industriale di Porto Salvo, un qualificato seminario dal titolo “La certificazione di qualità alimentare. Calabria: stato dell’arte e casi di successo”. Dopo l’intervento introduttivo di Francesco Barbieri, presidente e amministratore delegato Cof, ci saranno interventi di specialisti proprio a rimarcare l’esigenza della certificazione di qualità, poiché sono tanti gli operatori della distribuzione e della commercializzazione che la esigono, per poter valorizzare i prodotti agricoli. Il seminario, che sarà concluso dal presidente di Coldiretti Catanzaro-Crotone-Vibo Fabio Borrello, prevede anche la visita aziendale dei laboratori e delle linee di produzione della Cof. «Diffondere un nuovo approccio all’agroalimentare – precisa Coldiretti – marcando, con il controllo qualità, la necessità di un’autoregolamentazione volta a garantire il buon servizio al territorio e al consumatore di tutta la filiera contribuisce ad avvicinare sempre di più le aziende ai cittadini-consumatori e alimenta il circolo virtuoso per concretizzare il “patto con i cittadini”». Il seminario è utile per i beneficiari del premio di primo insediamento al fine di realizzare la formazione obbligatoria e, inoltre, riconosce i crediti formativi professionali ai dottori agronomi e forestali.

Informazione pubblicitaria