mercoledì,Giugno 29 2022

Vibo, negozi aperti a Pasquetta: l’assessore Francica replica al circolo del Pd

L'amministratore del capoluogo: «Situazioni riconducibili al buon senso ed alla volontà dei singoli titolari»

Vibo, negozi aperti a Pasquetta: l’assessore Francica replica al circolo del Pd
Veduta di Vibo valentia
L’assessore Domenico Francica

A fronte delle dichiarazioni rilasciate dal Pd sulla mancata chiusura di tutte le attività commerciali di Vibo nella giornata di lunedì dell’Angelo, Domenico Francica, assessore alle Attività Produttive del Comune di Vibo Valentia, così replica: «Corre l’obbligo di fornire dei chiarimenti su quanto pubblicato dal direttivo del Partito democratico di Vibo Valentia, con riferimento all’apertura degli esercizi commerciali il lunedì di Pasquetta. E’ risaputo che, ai sensi del decreto Bersani, le attività commerciali sono svolte senza limiti e prescrizioni, anche con riferimento all’orario di chiusura. Ciò comporta l’illegittimità di disposizioni normative adottate dagli enti locali circa la disciplina di regolazione degli orari degli esercizi commerciali. Il sindaco, infatti – prosegue l’amministratore – può adottare ordinanze contingibili ed urgenti con le quali imporre eventualmente orari di chiusura dei predetti esercizi, per la tutela di altri valori costituzionalmente rilevanti. Tali provvedimenti, tuttavia, devono essere temporalmente limitati e adeguatamente motivati, individuando esattamente le situazioni di fatto dalle quali potrebbe originarsi la lesione di interessi pubblici, quali quella della sicurezza e della salute».

L’assessore prosegue poi: «Non credo, pertanto, che le motivazioni addotte dal direttivo del circolo cittadino del Partito democratico di Vibo Valentia configurino situazioni di contingibilità ed urgenza cui possa ovviare il nostro primo cittadino Maria Limardo. Piuttosto si tratterebbe di situazioni riconducibili al buon senso ed alla volontà dei singoli titolari. Pertanto – chiude l’assessore comunale – alla luce di quanto esposto, ogni altra interpretazione risulterebbe destituita di qualsivoglia fondamento».

Articoli correlati

top