Falvo verso la guida della Procura di Vibo, il plauso di Mangialavori e del Pd

Il senatore azzurro, il segretario provinciale del Partito democratico ed il gruppo consiliare cittadino “sposano” la decisione della commissione del Csm
Il senatore azzurro, il segretario provinciale del Partito democratico ed il gruppo consiliare cittadino “sposano” la decisione della commissione del Csm
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria
Il senatore Giuseppe Mangialavori
Il senatore di Forza Italia Mangialavori

«L’esperienza, la professionalità e il senso del dovere di Camillo Falvo daranno lustro alla Procura di Vibo Valentia e contribuiranno in modo decisivo all’affermazione del principio di legalità nell’intera provincia». Lo afferma il senatore di Forza Italia Giuseppe Mangialavori in merito al via libera della quinta commissione del Csm alla nomina di Falvo quale procuratore della Repubblica di Vibo Valentia. «Nel corso della sua lunga carriera Camillo Falvo – aggiunge il parlamentare calabrese del partito di Berlusconi – ha dimostrato le sue grandi capacità investigative e la sua profonda conoscenza del territorio vibonese, come testimoniano le numerose inchieste che portano la sua firma. Sono sicuro che il magistrato saprà confermare le sue doti anche a capo di una Procura “difficile” come quella di Vibo e sostituire più che degnamente il compianto Bruno Giordano. Quella di Falvo – conclude Mangialavori – è la miglior scelta che il Csm potesse fare. Il magistrato non sarà solo: al suo fianco avrà tutti i cittadini onesti di questo territorio». [Continua dopo la pubblicità]

Informazione pubblicitaria
Enzo Insardà
Il segretario del PD di Vibo Enzo Insardà

Anche il Partito democratico ed il gruppo consiliare di Vibo Valentia intendono porgere “un saluto di benvenuto al nuovo – scrivono – procuratore di Vibo Valentia. Riteniamo che la Procura della Repubblica sia un organismo fondamentale a garanzia dei diritti soggettivi e della legalità su un territorio e che la sinergia ed il dialogo costante tra tutte le istituzioni impegnate quotidianamente in tal senso, possa contribuire a generare un senso di fiducia dei cittadini verso lo Stato. Ci proponiamo – rimarcano il segretario provinciale del Pd ed il gruppo consiliare del Pd – a breve di richiedere un incontro istituzionale con il nuovo procuratore per rappresentare concretamente l’idea di una disponibilità, ciascuno nel rispetto delle proprie competenze, a cooperare per il migliore perseguimento dell’interesse collettivo”. Sulla proposta della quinta commissione del Csm dovrà ora pronunciarsi il plenum del Consiglio Superiore della Magistratura.

Camillo Falvo

Entrato in magistratura il 24 febbraio 1997, Camillo Falvo, 50 anni, è stato dal novembre 1998 sostituto procuratore della Repubblica di Rovigo; dall’aprile del 2000 sostituto procuratore della Repubblica di Vibo Valentia (in applicazione extradistrettuale); dall’ottobre del 2001 sostituto procuratore di Rovigo; dall’ottobre del 2002 Giudice del Tribunale di Catanzaro; dall’ottobre del 2010 sostituto procuratore della Repubblica di Messina. Dal giugno 2014 è sostituto procuratore di Catanzaro applicato alla Dda (prima con competenza sul territorio vibonese e poi del cosentino).

LEGGI ANCHE: Disco verde dalla Commissione del Csm per Camillo Falvo nuovo procuratore di Vibo